Controlli anti Covid, verificati 600 reggini e 4 denunce per diffamazione e calunnia

L'attività sul territorio metropolitano della municipale. Due reggini e un villese, su un noto social network, avrebbero commentato alcune notizie di stampa, offendendo il prestigio ed il decoro del Corpo e degli agenti

I controlli degli agenti della municipale

Continuano, senza sosta, le attività della polizia municipale di Reggio Calabria finalizzate ai controlli anti-Covid 19. Negli ultimi tre giorni, secondo il piano predisposto dal questore Maurizio Vallone, sono stati controllati oltre 600 conducenti e pedoni e sono state elevate circa 20 sanzioni per violazioni al decreto vigente.

Sul fronte della polizia giudiziaria, invece, dopo un'attenta e specifica attività di indagine, supportata da accertamenti di natura tecnico-informatica, il Corpo di polizia, guidato dal comandante Salvatore Zucco, ha denunciato all'autorità giudiziaria tre persone per diffamazione aggravata a mezzo stampa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Due reggini e un villese, su un noto social network, avrebbero commentato alcune notizie di stampa,  offendendo il prestigio ed il decoro del Corpo e dei componenti. Gli accertamenti, hanno consentito di identificare l'id degli utenti ed associarlo alla linea telematica utilizzata. Un altro cittadino è stato inoltre denunciato per calunnia aggravata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fiamme gialle rompono una "Catena di Sant'Antonio" truffaldina: scatta sequestro

  • Movida, assembramenti e rischio Covid: il questore chiude un bar del centro per 5 giorni

  • La "scuola mafiosa" di Peppe Crisalli al figlio: "Quando si picchia, si picchia subito"

  • Sigilli della Squadra mobile a bar e aziende riconducibili alle cosche Rosmini e Zindato

  • "Cemetery boss", i nomi degli arrestati: c'è anche il dirigente dei servizi cimiteriali

  • Le mani della 'ndrangheta sul cimitero di Modena e sugli appalti edili in città

Torna su
ReggioToday è in caricamento