"Soldi e sesso per aggiustare i processi", giudice arrestato a Catanzaro: coinvolto avvocato di Locri

Il legale reggino è finito ai domiciliari nell'ambito dell'inchiesta della finanza di Crotone che ha portato al fermo del magistrato in servizio alla Corte di Appello del capoluogo

Prestazioni sessuali, soldi in contanti, preziosi, per "pilotare e aggiustare" processi. Con l'accusa, a vario titolo, di corruzione in atti giudiziari, in alcuni casi, aggravata dall'articolo 416 bis,  è stata emessa un'ordinanza cautelare, emessa dal gip del Tribunale di Salerno, nei confronti di otto indagati.

I particoilari dell'inchiesta

Sono finiti in carcere, Marco Petrini, magistrato in servizio alla Corte di Appello di Catanzaro e un avvocato del foro di Catanzaro, mentre a un collega del foro di Locri è stata applicata la misura degli arresti domiciliari. L'indagine è stata eseguita dalla guardia di finanza di Crotone e coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Salerno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Che senso ha rimanere, se a far rumore è solo il mare?": la lettera di una reggina alla sua città

  • Regionali, Callipo a Salvini: "Mi vergogno dei politici che stringono patti con la 'ndrangheta"

  • Incidente sull'A2 tra Palmi e Gioia Tauro: morto un 19enne, feriti due carabinieri

  • Incidente a Bova Marina, travolto e ucciso da un'auto mentre attraversa la strada

  • ‘Ndrangheta, colpita la cosca Tegano: quattro arresti e numerose perquisizioni

  • Notte di fuoco sul Viale della libertà: 5 auto avvolte dalle fiamme

Torna su
ReggioToday è in caricamento