Ponte di Pilati pericolante, Ancadic: "Serve urgente intervento di messa in sicurezza"

Si allunga l'elenco dei ponti stradali che necessitano di immediati restauri, come quello sovrastante il torrente Arcina che presenta infiltrazioni d'acqua e corrosione delle armature

Ponte di Pilati

Proseguono le segnalazioni da parte dell’Ancadic, dei ponti e dei sottopassi sulla Ss 106 e non solo bisognevoli di verifiche e interventi. Il referente dell’associazione che promuove e tutela il patrimonio paesaggistico, l’ambiente e la viabilità, Vincenzo Crea scrive per richiedere un urgente intervento di messa in sicurezza del ponte stradale della Ss 106 al km. 33+IV sovrastante il torrente Arcina, località Pilati di Melito di Porto Salvo che minaccia rovina.  Sono evidenti i processi di infiltrazione dell’acqua, di ossidazione e corrosione delle armature che hanno portato all’espulsione del copriferro della soletta dell’impalcato e alla riduzione della sezione resistente delle barre stesse.

Lungo l’impalcato del ponte stradale lato mare è situata una vetusta e corrosa condotta fognaria in più parte bucata, di conseguenza i liquami fognari gocciolano continuamente e formano in diversi punti sul sottostante terreno dei laghetti con pregiudizio per l’ambiente e per i passanti.  Le esalazioni odorigine di natura fognaria che si sprigionano dalla suddetta condotta invadono le vicine abitazioni e un’attività commerciale di pizzeria situata a pochi metri. Anche il  ponte stradale poco più a valle situato sulla via Pilati che si immette sulla Ss 106 direzione Taranto è in stato di forte degrado che ha portato in più punti all’espulsione del copriferro  e alla corrosione dell’armatura metallica.

I pilastrini in cemento armato si sono assottigliati e la spalletta del ponte lato Reggio è pericolante, se qualcuno si appoggia inevitabilmente cade nel vuoto.  Lo stato dell’arte dice, agli occhi del comune cittadino osservatore, che le strutture in questione sono in stato di completo abbandono e mai manutenute.  A mio avviso si potrebbe ravvisare un pericolo per la circolazione sovrastante e sottostante in entrambi i tratti di strada, pertanto la situazione richiede una iniziativa di pronto intervento per eseguire abbattimento di corpi di calcestruzzo ammalorato dal tempo per le evidenti infiltrazioni di acqua piovana e la successiva messa in sicurezza delle strutture, previo verifiche  tecniche finalizzate all’individuazione delle cause e procedere con i conseguenziali interventi di messa in sicurezza.

Il tutto in tempi brevi atteso  che  perdurando  la  situazione  di potenziale pericolo  si può verificare il collasso delle strutture o parte di esse. Anche per quanto riguarda i gravi inconvenienti igienico sanitari determinati dalla condotta fognaria situata lungo il ponte stradale della Ss 106 bisogna intervenire con urgenza a tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini, provvedendo alla sostituzione della condotta, in quanto sempre a mio avviso, un intervento di risanamento non appare fattibile visto lo stato di corrosione della stessa. Sono state immediatamente attivate le Istituzioni e gli Enti competenti.
 

Potrebbe interessarti

  • Ferragosto, la storia e le tradizioni di una festa tutta italiana tra divertimento e buona cucina

  • Stella al merito del lavoro, le modalità per la presentazione delle candidature

  • Montalto, in programma i festeggiamenti per i 25 anni della "Rosa dei Venti"

  • La via dell’emancipazione, "La Strada" propone una toponomastica al femminile

I più letti della settimana

  • "Gli handicappati teneteli a casa": turista in spiaggia insulta mamma di un bimbo autistico

  • Scilla, ragazzo disperso in mare: ritrovato vivo a Messina

  • Incidente a Polistena, scontro tra auto e furgone: due persone ferite

  • Terremoto, scossa nella notte di Ferragosto: epicentro Condofuri, magnitudo 3.2

  • Tari, lotta agli evasori, Avr e Comune annunciano nuovi provvedimenti

  • "C'è ancora tanto da fare": Mauro e Neri, i vice sindaci della città a confronto

Torna su
ReggioToday è in caricamento