Mostra di Venezia, Giusy Versace presenta il suo docu-film "Donne in prigione"

Intensa la tre giorni dell'atleta paralimpica al Lido: red carpet ed il nuovo libro WonderGiusy. Il film verrà diffuso in tv, nelle scuole e nelle altre case circondariali italiane

Nella foto a sinistra: sul red carpet Jo Squillo, Giusy Versace e Francesca Carollo

Se lo scorso anno sfilare sul Red Carpet della Mostra del Cinema di Venezia con due protesi era sembrato a Giusy Versace un azzardo, quest'’anno, al contrario, la campionessa paralimpica reggina ha voluto dimostrare con grande disinvoltura ed eleganza che, anche con
due gambe finte, una donna può essere femminile.

Al suo fianco, sul tappeto rosso, le amiche e compagne di questa nuova avventura Jo Squillo e Francesca Carollo con le quali Giusy ha collaborato nella realizzazione di “Donne in Prigione”, il docufilm realizzato interamente all'interno della sezione femminile del carcere di San Vittore di Milano, presentato presso lo spazio della Regione Veneto dell'’Hotel Excelsior lo scorso 29 agosto.

Alla proiezione, tra gli altri, erano presenti il ministro ai beni culturali Alberto Bonisoli, tre delle detenute protagoniste del docufilm in permesso speciale e la vice capo dipartimento della polizia penitenziaria, la dottoressa Lina Di Domenico che ha da subito fortemente appoggiato questo progetto. La stessa presentazione è stata poi replicata, con forte emozione, presso la "Lounge Pegaso" davanti ad un attento e commosso pubblico formato dalle finaliste di Miss Italia. 

“Perfetto l'outfit di Giusy Versace che ha conquistato il red carpet e l'attenzione del pubblico, della stampa e del mondo social: "Ho chiesto all'’amico Oscar Scirè di realizzare un abito corto nero e oro con la stessa stoffa “Versace” con la quale ho decorato le protesi e poi, a differenza dello scorso anno, non ho voluto indossare protesi con “piede sportivo”, ma calzare gambe con un nuovo piede per il tacco alto che io stessa ho testato con la Ossur un anno fa. Certamente il décolleté, realizzato su misura per me da Ninalilou, mi ha permesso -
ha affermato Giusy Versace - di sentirmi più stabile e sicura ad ogni passo. Completa il mio look una pochette in raso e seta nera di Punto
47, realizzata dall'amico esperto di moda Antonio Sotgiu, con materiali di riciclo dell'alta moda. Spero di aver dimostrato che, anche con le protesi, una donna può essere elegante".

"Ogni anno - ha dichiarato la campionessa e deputata di Forza Italia - veniamo alla Mostra del Cinema di Venezia per cercare accendere i
riflettori sui progetti sociali legati al mondo delle donne – racconta la Versace –e questa volta siamo entrate all’interno del carcere di San Vittore per raccogliere la forte testimonianza di chi sta dietro le sbarre e di chi cerca di aiutare queste donne a ricostruirsi una vita
e un’identità. La cosa interessante del progetto è che le detenute sono state loro stesse registe del documentario: le abbiamo istruite
su come usare le telecamere e da sole hanno voluto dare interpretazione al proprio dolore. Questo è solo l'inizio di un progetto che intendiamo ingrandire e diffondere non solo su canali televisivi ma anche e soprattutto nelle scuole e nelle altre case circondariali. Per tutte noi oggi è stata un’'occasione molto importante e ringraziamo la Regione Veneto per lo spazio che ci ha messo a disposizione e il supporto che dimostra ogni anno ai nostri progetti"”.

Ieri mattina Giusy Versace invece è stata ospite dello spazio “Pegaso Lounge” dell'Hotel Excelsior, dove assieme alla quattro volte campionessa olimpica Valentina Vezzali e al giornalista e scrittore Claudio Arrigoni ha incontrato gli studenti dell'’Università Telematica Pegaso, in occasione di un incontro nel quale la Versace ha parlato del suo ultimo libro “WonderGiusy” e dialogato assieme alla Vezzali e ad Arrigoni sugli innumerevoli valori dello sport.

Divertente è stato ascoltare il “dietro le quinte” della partecipazione delle due atlete alla trasmissione televisiva “Ballando con le Stelle”. Se per la Vezzali è stata la conferma che il ballo è uno sport a lei non congeniale, poiché il ritmo della stoccata ha poco a che vedere con quello della danza, per la Versace è stata invece una rivelazione: "“in una gara - ha rivelato - dove le gambe sono protagoniste, io pensavo di venir eliminata alla prima puntata e invece ho scoperto di essere portata per il ballo e, a gran sorpresa, ho vinto l’edizione del 2014”".
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa nella serata finale di Festa Madonna: diverse persone finiscono in Questura

  • Assistenti educativi in protesta, Nucera: "Il servizio partirà dopo la prima settimana di ottobre"

  • Prende forma la Polisportiva Giulio Campagna, società pronta a durare nel tempo

  • Brancaleone, incidente tra auto e pulmino: un morto e due feriti

  • Albero si spezza in via Sbarre Inferiori e finisce su due auto

  • Fiera di Penitmele, la municipale sequestra oltre 600 pezzi di merce contraffatta

Torna su
ReggioToday è in caricamento