Intimidazione all'attivista Sorgonà, la giunta comunale si schiera al suo fianco

Nella Giornata della legalità, ignoti hanno lasciato un messaggio di minacce su un muro, nella frazione collinare di Ortì. Gli assessori sperano che gli autori del gesto "possano essere presto assicurati alla giustizia"

Il messaggio lasciato sul muro (foto pagina Fb)

Ennesimo atto intimidatorio all'attivista reggino Filippo Sorgonà, impegnato da anni nel sociale. Dopo un incendio doloso che, nei mesi scorsi, aveva danneggiato diverse piante di ulivo in un terreno di proprietà dei genitori, nei pressi di Ortì, oggi si è visto "recapitare" un messaggio di minacce, lasciato da ignoti su un muro nella frazione collinare: "Hai firmato la tua condanna".

Vicinanza è stata espressa dagli assessori della giunta comunale, guidata dal sindaco Falcomatà: "Sono gesti vergognosi - si legge in una nota congiunta - che, siamo certi, non scalfiranno minimamente l'impegno sociale che Filippo, nelle sue attività quotidiane, dedica alla comunità reggina. Massima solidarietà a lui e alla sua famiglia". 

"Nel 28esimo anniversario della strage di Capaci, dove rimasero uccisi il magistrato Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, questo vile episodio ci ricorda quanto importante, attuale e necessario sia ancora l'impegno di tutti noi nella battaglia quotidiana contro tutte le mafie, per la legalità, la giustizia e contro ogni forma di sopruso e di violenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da istituzioni - concludono gli assessori comunali - ci schieriamo convintamente al fianco di Filippo Sorgonà nella speranza che gli autori di questo ignobile e meschino gesto possano essere presto assicurati alla giustizia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fiamme gialle rompono una "Catena di Sant'Antonio" truffaldina: scatta sequestro

  • Movida, assembramenti e rischio Covid: il questore chiude un bar del centro per 5 giorni

  • La "scuola mafiosa" di Peppe Crisalli al figlio: "Quando si picchia, si picchia subito"

  • Sigilli della Squadra mobile a bar e aziende riconducibili alle cosche Rosmini e Zindato

  • "Cemetery boss", i nomi degli arrestati: c'è anche il dirigente dei servizi cimiteriali

  • Le mani della 'ndrangheta sul cimitero di Modena e sugli appalti edili in città

Torna su
ReggioToday è in caricamento