Ferragosto, rissa in spiaggia a San Ferdinando: scontro tra residenti e migranti

Il bilancio, due i feriti e un giovane salvato dall'annegamento dalle forze dell'ordine. Il sindaco: "Incontreremo il prefetto per incrementare il livello di sicurezza"

Attimi di terrore intorno alla mezzanotte a San Ferdinando. Il lungomare affollato da moltissima gente, sulla spiaggia i tradizionali falò per la conclusione della festa in onore di Santa Barbara e grande spensieratezza tra i tanti giovani e le famiglie che stavano trascorrendo, in un clima di grande serenità, la tradizionale notte del Ferragosto. Ma un fulmine e ciel sereno ha rotto l'incantesimo e in un attimo si è scatenato il panico e il fuggi fuggi generale.

Un gruppo di extracomunitari, in evidente stato di alterazione, ha iniziato a molestare i presenti, suscitando una loro reazione, proseguendo con atti di vandalismo e aggressione verso i passanti. Il bilancio di una notte di pura follia è di due extracomunitari finiti in ospedale per le ferite riportate.  

A dare la notizia con un post pubblicato su Facebook, il Comune di San Ferdinando:  "Grazie al tempestivo ed efficace intervento delle forze dell’ordine,- si legge nella nota - insieme con i volontari dell’Associazione nazionale carabinieri e delle guardie ecozoofile, è stato evitato un epilogo che poteva diventare tragico. E sempre grazie all’intervento dei tutori dell’ordine è stato salvato un giovane che, in coma etilico, stava per annegare". L’amministrazione comunale è consapevole della gravità di questi incidenti, che per fortuna sono stati contenuti, ed esprime "preoccupazione per le reazioni umorali che possono provocare".

"L’episodio - continua la nota - che ha visto protagonisti giovani migranti, suscita comprensibili paure ed apprensione e testimonia, ancora una volta, la complessità del fenomeno migratorio e la necessità di governarlo con equilibrio e fermezza evitando, però, contrapposizioni violente che introdurrebbero soltanto ulteriori  lacerazioni nelle nostre comunità".

Il sindaco Andrea Tripodi fa sapere che incontrerà al più presto il prefetto per operare una riflessione congiunta su quanto è avvenuto e proseguire l’impegno per la riduzione, già in atto, della presenza migratoria (da 2.700 a 370 unità nell’ultimo 
anno), per il superamento della Tendopoli e per incrementare il livello di sicurezza e di protezione sociale. L’amministrazione comunale invita "tutti a superare con fiducia questo momento di comprensibile angoscia operando ponderate riflessioni che consentano alla comunità di trasformare queste circostanze in occasioni di nuova consapevolezza e di crescita civile".


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Statale 106, pullman travolge tre auto: tragedia sfiorata a Lazzaro

  • Pugilato reggino in trionfo: Francesco Versaci è campione d'Italia dei pesi massimi leggeri

  • Giovane ferito a colpi d'arma da fuoco: è giallo in città, indaga la polizia

  • "Una vita da precari", i tirocinanti della giustizia scendono in piazza

  • Il gelatiere Marcianò e le sue irresistibili torte gelato sul podio del Sigep di Rimini

  • Elezioni regionali, la notte dello spoglio: la diretta dei risultati

Torna su
ReggioToday è in caricamento