"Reggio Calabria, quale plastic free?": la denuncia della Federazione cittadina dei Verdi

Il consigliere Giordano: "Continua l’uso di oggetti in plastica monouso negli uffici comunali". Risale ad agosto la discussione in giunta dell'adesione al protocollo 'Plastic Free'

Il cestino con i bicchieri in plastica

"E’ dell’agosto scorso la riunione della giunta comunale di Reggio Calabria che ha discusso, quale ordine del giorno, l’adesione al protocollo 'Plastic Free', proposto da noi Verdi tempo prima. Ad oggi non si trova nessuna nuova delibera in merito a questa scelta e, soprattutto non abbiamo letto niente in merito alle azioni ed agli indirizzi necessari per mettere in esecuzione quanto stabilito".

Lo afferma Vincenzo Giordano, consigliere della Federazione nazionale del partito dei Verdi che con tanto di foto porta a conoscenza che negli uffici comunali continua "l’uso di oggetti in plastica monouso, i cui spazi attrezzati dagli appositi distributori, straripano di bicchieri, bottiglie, palettine, involucri e quant’altro, tutto rigorosamente in plastica, raccolti in buste, si spera differenziate".

"Eppure - dichiara ancora Giordano - gli intenti di rendere gli uffici comunali 'plastic free' sono stati ben pubblicizzati dall’attuale amministrazione che a questa iniziativa, sembra si sia dimenticata di dare seguito". Nella speranza che l’indirizzo ecologista "a cui l’attuale governo cittadino vorrebbe conformarsi, non sia l’ennesima desolante strategia da campagna elettorale, la Federazione cittadina dei Verdi di Reggio Calabria chiede che vengano al più presto deliberati gli indirizzi in esecuzione del 'plastic free' da parte dell’amministrazione reggina e che vengano invitati all’adozione di tali misure, anche gli altri Comuni dell’area metropolitana per tramite dei loro sindaci, in sede di Consiglio metropolitano".

Inoltre, nella logica propositiva che contraddistingue la Federazione e nel rispetto dell’operato e delle competenze di assessori e consiglieri, "ci permettiamo di indicare delle linee esecutive per il protocollo adottato che, malgrado banali, sono essenziali per l’abolizione della plastica  monouso: eliminazione dai distributori delle bottiglie di plastica per acqua ed altri tipi di bevande; installazione degli erogatori di acqua naturale o frizzante anche refrigerata; distribuzione ai dipendenti di borracce in alluminio riciclato per consumare acqua anche alla scrivania; sostituzione nei distributori di bevande calde, dei bicchieri di plastica con quelli di carta e delle paline di plastica per girare il caffè con quelle di legno; proposte ai dipendenti di percorsi virtuosi per diventare sempre più plastic free, promozione di campagne di sensibilizzazione ai cittadini ed ai commercianti sull’uso consapevole della plastica monouso e non; eliminazione dei prodotti monouso dagli asili comunali. E’ un piccolo contributo ecologico ma pur sempre una grande azione informativa sulla salvaguardia ambientale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Quando a vincere è la morte", il pensiero di un angelo del 118 dopo l'incidente nel rione Modena

  • A Reggio piange pure il cielo, lacrime e cuori spezzati al funerale di Walter: "Non si può morire così"

  • "Un ragazzo con il sorriso rivolto al sole e alla vita", il ricordo di Reggio Calabria Basket in Carrozzina

  • Londra, in ospedale con un dolore alla gamba: reggina muore dopo essere stata dimessa

  • Incidente nel rione Modena, scontro auto-moto: morto giovane centauro

  • Reggio si mobilita per la giovane morta a Londra, raccolta fondi per il rimpatrio della salma

Torna su
ReggioToday è in caricamento