Villa Comunale, proseguono gli interventi a protezione del Ficus

I lavori eseguiti dal servizio verde pubblico dell’assessorato all’ambiente comunale hanno l'obbiettivo di migliorare l'assorbimento degli elementi nutritivi e difendere le piante dagli attacchi di agenti patogeni

Gli operatori a lavoro

Dopo le operazioni svolte sul Lungomare Falcomatà eseguite nei giorni scorsi, mirate al miglioramento del terreno per il “Ficus macrophylla Desf. ex Pers.”,  questa mattina è stata la volta della Villa Comunale.

Sono stati eseguiti, infatti, trattamenti al terreno, effettuati con pali iniettori gestiti da apposite macchine distributrici, che consentono di  diminuire gli stress fisiologici, facilitando il recupero delle piante e  migliorando la distribuzione delle radici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questo tipo di interventi, eseguiti sotto la supervisione del servizio verde pubblico dell’assessorato all’ambiente comunale guidato da Armando Neri, hanno l'obbiettivo di migliorare l'assorbimento degli elementi nutritivi per difendere meglio le piante dagli attacchi di agenti patogeni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fiamme gialle rompono una "Catena di Sant'Antonio" truffaldina: scatta sequestro

  • Dentro la 'ndrangheta degli "invisibili" i boss "laureati" in contatto con le istituzioni

  • Boom di guariti a Reggio, il Gom è Covid free: dimesso l'ultimo paziente e sesto giorno a 0 contagi

  • La "scuola mafiosa" di Peppe Crisalli al figlio: "Quando si picchia, si picchia subito"

  • Movida, assembramenti e rischio Covid: il questore chiude un bar del centro per 5 giorni

  • Sigilli della Squadra mobile a bar e aziende riconducibili alle cosche Rosmini e Zindato

Torna su
ReggioToday è in caricamento