Riunione rifiuti alla Cittadella, Falcomatà: "E' l'ora di chiudere questa brutta storia" |VIDEO

I vertici regionali hanno illustrato alla delegazione dei sindaci della MetroCiti il Piano della raccolta negli ambiti territoriali

 

Riunione al quartiere generale della Regione sull'emergenza rifiuti. Una delegazione di sindaci della Citta metropolitana, capitanata da Giuseppe Falcomatà, ha incontrato alla Cittadella il capo gabiletto del presidente Jole Santelli ed il capo struttura dell'assessore all'ambiente, per rappresentare quelle che sono le perplessità e i dubbbi rispetto all'ordinanza pubblicata nella serata di ieri dalla governatrice. 

"Durante l'incontro - ha affermato Falcomatà - i vertici regionali hanno illustrato la loro idea per tornare a raccogliere i rifiuti per strada. Dopo il nostro confronto ecco il piano della raccolta negli ambiti territoriali metropolitani. Su Siderno su 155 tonnellate di fabbisogno abbiamo la possibilità di scaricarne 100, (nella prima versione con solo 40 scarti di lavorazione), per quanto riguarda Gioia Tauro 130 tonnellate di fabbisogno, solo 100 da scaricare con 40 scarti di lavorazione entrambe su Celico; poi abbiamo il Comune di Reggio Calabria, che prevede anche tutte le Amministrazioni dell'Area dello Stretto, che oggi porta i rifiuti su Sambatello, fabbisogno 130, tutto il rifiuto indifferenziato dovrebbe essere portato in Puglia". 

"Capite bene - afferma il sindaco con i dati alla mano, durante la consueta diretta social, a conclusione dell'incontro - che la provincia di Reggio era la più penalizzata. Siamo riusciti ad ottenere 60 tonnellate in più per la nostra provincia, quindi per Siderno e Gioia Tauro che significa riuscire a fare respirare tutti i Comuni della Città metropolitana".

Per il sindaco rimane l'incognita della Puglia, che non era prevista all'interno dell'ordinanza. "Naturalmente portare in rifiuti in Puglia non è la stessa cosa che portarli a Crotone. Pretendiamo che quelli che sono i costi in più del trasporto in Puglia siano a carico della Regione e non siano caricati sui Comuni della Città metropolitana. Questo è quello che abbiamo chiesto". 

"Se mi dite - continua il sindaco - se la raccolta ripartirà questa sera, vi rispondo di no. Mi auguro comunque sia una questione di ore e non di giorni, perchè abbiamo rappresentato l'urgenza della nostra situazione. Mi auguro di non dover più parlare di rifiuti". 

"L'augurio, - conclude Falcomatà - adesso, è di poter avere un confronto istituzionale non soltanto con la parte amministrativa, ma anche con quella politica. Adesso, lavoriamo sulla "Fase 2" sperando di chiudere questa brutta storia una volta per tutte".

Potrebbe Interessarti

Torna su
ReggioToday è in caricamento