"Ciao Antonio, eroe di questa città": il Granillo rende omaggio al giovane vigile del fuoco

Lo stadio amaranto, durante l'ingresso in campo di Reggina e Potenza, ha deciso di ricordare Nino Candido, scomparso tragicamente ad Alessandria nell'adempimento del dovere

Lo striscione in curva Sud

La Reggina deve arrendersi al Potenza e lasciare la Coppa Italia Serie C. Il 3-2 degli uomini di mister Raffaele rifilato agli amaranto rappresenta la prima nota stonata dopo un periodo in cui la sinfonia calabrese è sempre stata suonata magistralmente. La sconfitta ha deluso le aspettative dei tifosi, ma proprio dagli spalti prima dell'inizio della sfida è arrivato un toccante e significativo gesto.

La Curva Sud dello stadio Granillo ha deciso di rendere omaggio al vigile del fuoco Nino Candido. Il giovane reggino ha perso la vita nella tragedia di Alessandria. Durante l'ingresso in campo delle due squadre, i tifosi amaranto lo hanno ricordato attraverso l'esposizione di uno striscione con la scritta "il pompiere paura non ne ha. Ciao Antonio, eroe di questa città".

Il saluto della tifoseria ai vigili del fuoco

I pompieri presenti e il padre della vittima hanno, inoltre ricevuto un mazzo di fiori in onore di Nino. Iniziative del genere vanno ben oltre lo sport e rappresentano un vero gesto di solidarietà, vicinanza e civiltà verso un accaduto non semplice da superare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Quando a vincere è la morte", il pensiero di un angelo del 118 dopo l'incidente nel rione Modena

  • A Reggio piange pure il cielo, lacrime e cuori spezzati al funerale di Walter: "Non si può morire così"

  • "Un ragazzo con il sorriso rivolto al sole e alla vita", il ricordo di Reggio Calabria Basket in Carrozzina

  • Londra, in ospedale con un dolore alla gamba: reggina muore dopo essere stata dimessa

  • Incidente nel rione Modena, scontro auto-moto: morto giovane centauro

  • Reggio si mobilita per la giovane morta a Londra, raccolta fondi per il rimpatrio della salma

Torna su
ReggioToday è in caricamento