Verso Catanzaro-Reggina, altre restrizioni per i tifosi ospiti: biglietti solo con tessera

Dopo le analoghe disposizioni per la trasferta di Catania, i sostenitori amaranto dovranno seguire misure organizzative speciali per assistere al classico della Calabria

Gli amaranto in festa sotto la Curva Sud

Trasferte delicate e decisive. Catania prima e Catanzaro poi, con in mezzo il ritorno al Granillo contro la Paganese. Un mese di febbraio intenso e ricco di partite per la Reggina, pronta a superare esami fondamentali in ottica promozione in Serie B.

Le complicate partite da giocare lontano dal Granillo rischiano di non registrare la calorosa quanto decisiva presenza dei festosi tifosi della Curva Sud.

Dopo le restrizioni sulla vendita di biglietti ai sostenitori amaranto per la sfida del Massimino e la successiva decisione dei Diffidati Liberi di non raggiungere la Sicilia, l'Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive ha ufficializzato nuove disposizioni in vista di Catanzaro-Reggina.

I provvedimenti per Catania-Reggina

Il derby, classico della Calabria, si giocherà mercoledì 26 febbraio alle 20:45. Considerando gli "elevati profili di rischio", l'organo di Stato suggerisce in sede di Gos la vendita di biglietti  nel settore ospiti ai residenti nella provincia di Reggio solo se in possesso di "tessera di fidelizzazione della Reggina 1914."

La presa di posizione della Curva Sud

Le decisioni dell'Osservatorio prevedono anche "l'incedibilità dei titoli di ingresso, l'implementazione del servizio di stewarding ed il rafforzamento dei servizi, anche nelle attività di prefiltraggio e filtraggio, come previsto da specifiche disposizioni di settore."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' il giorno del dolore, lacrime e applausi al funerale di Carlo: "Ha amato la vita fino all'ultimo"

  • Rissa al Burger King sul corso Garibaldi, calci e pugni tra i tavolini dell'ex teatro Siracusa

  • Scacco alla potente 'ndrina degli Alvaro, arrestati boss e politici: i nomi

  • Creazzo e la moglie nei carabinieri: "All'inizio Rambo e lei non pareggiavano"

  • La massoneria deviata era la "lavanderia" dei profitti illeciti della cosca Alvaro

  • L'impresa non è mafiosa, restituiti beni mobili e immobili sequestrati al proprietario

Torna su
ReggioToday è in caricamento