Catania-Reggina, la Sud resta a Reggio: "Non sarà una partita a farci tradire i nostri ideali"

Il gruppo Diffidati Liberi ha ufficializzato la chiara scelta dei sostenitori amaranto. Decisive le restrizioni imposte in sede di acquisto biglietti per la tifoseria ospite

La Curva Sud durante Reggina-Ternana

La fondamentale arma del tifo ha sempre contraddistinto la Reggina in un campionato di Serie C con poche sbavature.

Un primo posto con ampio vantaggio dalle inseguitrici da difendere, la ritrovata vittoria casalinga e una trasferta esaltante da preparare. Niente di meglio per una settimana sportiva intensa, peccato che proprio quella caratteristica in più dettata dai sostenitori amaranto non potrà essere presente allo stadio Massimino.

Le restrizioni in vista di Catanzaro-Reggina

Le restrizioni relative a Catania-Reggina, recentemente ufficializzate dall'Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive, hanno spinto la Curva Sud a decidere di non seguire la squadra in Sicilia. A comunicarlo è l'organizzazione dei Diffidati Liberi, tramite un chiaro comunicato apparso sulla pagina facebook ufficiale: "A seguito dell’imposizione da parte degli organi competenti - si legge - di dover essere in possesso della tessera del tifoso per poter partecipare alla trasferta di domenica, la Curva Sud comunica che non sarà presente al Massimino di Catania.

Continueremo, coerentemente come fatto finora, a lottare e a opporci a questo strumento. Non sarà certo una partita o un primo posto in classifica a farci tradire i nostri ideali. Reggio Calabria non si piega. No alla tessera!"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' il giorno del dolore, lacrime e applausi al funerale di Carlo: "Ha amato la vita fino all'ultimo"

  • Rissa al Burger King sul corso Garibaldi, calci e pugni tra i tavolini dell'ex teatro Siracusa

  • Scacco alla potente 'ndrina degli Alvaro, arrestati boss e politici: i nomi

  • Creazzo e la moglie nei carabinieri: "All'inizio Rambo e lei non pareggiavano"

  • La massoneria deviata era la "lavanderia" dei profitti illeciti della cosca Alvaro

  • L'impresa non è mafiosa, restituiti beni mobili e immobili sequestrati al proprietario

Torna su
ReggioToday è in caricamento