Cinquefrondi, in programma un incontro sulla storia del movimento Lgbtqi

Il comitato Arcigay di Reggio ha organizzato l'evento per riflettere su quanto fatto nel corso degli anni dall'associazione. La manifestazione precede il Pride che si svolgerà nella città reggina il 27 luglio

Il territorio di Cinquefrondi si prepara ad ospitare un incontro culturale, focalizzando l'attenzione sulla storia del movimento Lgbtqi (lesbiche, gay, bisessuali e transgender), in occasione del cinquantesimo anniversario dei moti di Stonewall. La Mediateca comunale aprirà le proprie porte agli interessanti venerdì 19 luglio alle 18. L'evento, promosso dal comitato Arcigay di Reggio e Agedo e con la collaborazione di amministrazione comunale e studenti dell'Usd Polistena, rappresenta una tappa d'avvicinamento al Pride reggino e si pone l'obiettivo di riflettere sulle rivendicazioni e rivoluzioni sociali all'interno del movimento.

La responsabile del gruppo giovani Arcigay ha spiegato come si svolgerà e su cosa si basa nel dettaglio la manifestazione: “Un percorso di condivisione e collaborazione - dichiara Valentina Tripepi - iniziato già lo scorso anno con la realizzazione di due riunioni del gruppo giovani del comitato. Siamo estremamente soddisfatti del rapporto che si è consolidato in questo anno che ha rafforzato i contenuti delle nostre realtà territoriali. Per questo motivo abbiamo voluto organizzare questo evento importantissimo sulla storia del movimento a pochi giorni dal Reggio Calabria Pride (sabato 27 luglio). Un ringraziamento speciale lo dedichiamo al sindaco di Cinquefrondi Michela Conia da sempre vicino alle nostre istanze, e a tutta l’amministrazione che ha dato massima disponibilità per l’organizzazione di tutti gli eventi fino ad ora realizzati nel loro territorio." 

"Noi come Unione degli studenti crediamo sia necessario - prosegue la spiegazione della responsabile - costruire spazi democratici e liberi nel nostro territorio, affinché ognuno abbia la possibilità di esprimere interamente se stessi. Siamo sicuri che, questi momenti di conoscenza ,democrazia e libertà possano contribuire per abbattere ogni forma di omofobia, che si nasconde anche nei piccoli borghi e paesi” dichiara Chiara Maiolo referente dell'Uds. L’unione e la cooperazione, che si è venuta a creare con il gruppo Giovani Arcigay di Reggio Calabria, è una forza che permette a ragazzi e ragazze di liberarsi da qualsiasi vincolo sociale."

"Ricordiamo infine che - conclude Tripepi - il comune di Cinquefrondi e una delle poche amministrazioni della provincia di Reggio che da subito ha patrocinato il Reggio Calabria Pride 2019."
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aperitivo con oltre 20 persone in un negozio etnico: cinque multe e attività chiusa

  • "Vado a posare il fucile e poi torno", gli attimi seguenti all'omicidio nel racconto del figlio delle vittime

  • Per i Carabinieri ad uccidere i coniugi di Calanna sarebbe stato Francesco Barillà

  • Consumavano in un locale oltre l'orario di apertura: fioccano multe e chiusa l'attività

  • Duplice omicidio di Calanna, arrestato il responsabile della morte dei coniugi Cotroneo

  • Controlli anti Coronavirus, 30 persone in un bar del centro: attività chiusa e sei multe

Torna su
ReggioToday è in caricamento