Dissesto Asp, la lettera di Falcomatà: "Serve una presa di coscienza collettiva"

La problematica ufficializzata dallo stesso comitato straordinario dell'azienda sanitaria parte da un buco di circa 400 milioni di euro. Lo scritto del sindaco è indirizzato a tutti i cittadini

Il primo cittadino di Reggio

L'Asp di Reggio Calabria ha da poco concluso l'ennesima vicenda negativa dell'ultimo periodo. I disservizi, le problematiche e la generale emergenza sanitaria stanno portando la città al collasso e i cittadini ci rimettono in termini di cure fondamentali sia per la vita quotidiana che in casi straordinari. La commissione dell'azienda, insediatasi dopo lo scioglimento per infiltrazioni mafiose, ha ufficializzato il dissesto per un buco di oltre 400 milioni di euro.

La notizia ha spiazzato tutti, lasciando la popolazione senza parole. Il sindaco Giuseppe Falcomatà ha scritto una lettera a aperta a tutti i cittadini su quanto successo: "Reggini, reggine, ieri sera è accaduto qualcosa di così devastante ed incredibile che lascia davvero sbigottiti. Il dissesto dell'Asp di Reggio Calabria, già sciolta per infiltrazione mafiosa, rappresenta l'acme - analizza il primo cittadino - delle malversazioni e delle umiliazioni perpetrate ai danni del nostro territorio.  È questo, però, il momento della responsabilità, l'attimo in cui il tessuto cittadino deve rimanere unito ed ogni istituzione, a qualsiasi livello, supportare la popolazione nelle fasi  successive alla dichiarazione del default da parte dei commissari della sanità reggina.  Dunque, anche quando tutto sembra perso, non dobbiamo farci sopraffare dalla rassegnazione. Di fronte ad ogni caduta dobbiamo toglierci la polvere da dosso, rialzarci e ripartire. È l'ora di stringerci a coorte."

"Mi rivolgo a quanti fanno politica, alle associazioni, ai sindacati, agli enti camerali: serve - continua la lettera - una presa di coscienza collettiva. Battano un colpo, facciano sentire la loro presenza, dimostrino un vero attaccamento al territorio ed alla sua gente. Lo facciano subito, immediatamente, senza perdere tempo. Lo facciano ora o mai più. La triste storia dell'Asp di Reggio deve farci riflettere perché segna il fallimento di intere classi dirigenti siano state esse manager indicati dalla politica oppure commissari inviati dai Governi per provare a ricostruire dalla macerie. Hanno fallito tutti e tutti hanno contribuito al fallimento dell'azienda. Oggi, il conto che ci viene presentato è la somma di una sequela infinita di omissioni, di investimenti sbagliati, di sperperi e avido cinismo per l'ammontare di un debito superiore ai 400 milioni di euro. Ancora una volta, Reggio si trova costretta a dover ripartire affrontando una crisi probabilmente ampiamente preventivabile ma che, francamente, sorprende e sconcerta per le sue proporzioni. A pagarne le spese, purtroppo, saranno i cittadini, la gente onesta e laboriosa, i tantissimi creditori che a loro volta rischiano di rimanere schiacciati da questo tremendo crac."

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Da sindaco e come cittadino - conclude Falcomatà - mi porrò in testa a qualsiasi tipo di iniziativa che possa alleviare i disagi causati dal dissesto dell'Asp. I cittadini potranno contare sulla mia spalla per un conforto, sul mio braccio per battere i pugni sui tavoli istituzionali per cerare una via d'uscita, sulle mie gambe per incamminarci tutti insieme sul percorso che ci condurrà, costi quel che costi, verso un futuro migliore."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fiamme gialle rompono una "Catena di Sant'Antonio" truffaldina: scatta sequestro

  • Movida, assembramenti e rischio Covid: il questore chiude un bar del centro per 5 giorni

  • La "scuola mafiosa" di Peppe Crisalli al figlio: "Quando si picchia, si picchia subito"

  • Sigilli della Squadra mobile a bar e aziende riconducibili alle cosche Rosmini e Zindato

  • "Cemetery boss", i nomi degli arrestati: c'è anche il dirigente dei servizi cimiteriali

  • Le mani della 'ndrangheta sul cimitero di Modena e sugli appalti edili in città

Torna su
ReggioToday è in caricamento