Parco dell’Aspromonte verso il turismo sostenibile, entra nel vivo la fase 2 del Cets

Di successo il forum con gli operatori di settore. Prossimo step un corso di formazione a partire dal 12 gennaio

Geoparco Aspromonte

Nel Parco dell’Aspromonte  prende via il cammino verso il turismo sostenibile. Da qui un'azione sinergica tra l'Ente e gli operatori turistici attraverso il forum organizzato sulla piattaforma Zoom  con il quale si entra nel vivo della  fase 2 della Cets.

Ad intervenire durante l'iniziativa il presidente del Parco Nazionale dell’Aspromonte, Leo Autelitano; il presidente Nazionale di Federparchi Giampiero Sammuri; il presidente delle guide ufficiali del Parco, Luca Lombardi; il referente Cets di Federparchi Giuseppe Dodaro. A moderare Chiara Parisi responsabile Comunicazione del Parco Aspromonte, che nella sua introduzione ha spiegato come “dopo la certificazione Cets ottenuta dall’Aspromonte, si apre adesso una fase nuova, differente, successiva, in cui gli operatori turistici diventeranno protagonisti in un contenitore più ampio che punta ai principi di sostenibilità turistica e valorizzazione del territorio”.

“Rappresenta un momento importante - ha aggiunto il  presidente del Parco dell’Aspromonte, Leo Autelitano sull'avvio della fase due-  poiché coniuga la sostenibilità ambientale alle attività economiche compatibili. La Cets  è l’insieme di buone pratiche che ci consentirà di effettuare un’azione incisiva nell’Area protetta, con l’obiettivo di migliorare il rapporto con l’ambiente e con la popolazione residente.

Le potenzialità del nostro Parco, con la presenza di borghi di pregio e di luoghi di attrazione turistica molto rilevanti, ci suggeriscono di irrobustire il rapporto con gli operatori che devono essere pronti e preparati ad un perfezionamento dell’offerta turistica, adeguata ad un’Area Protetta di pregio come la nostra. Credo - ha concluso Autelitano  -  che sarà possibile vincere questa sfida con il gioco di squadra che ci vede tutti coinvolti: ente, operatori, associazioni, cittadini. Dobbiamo aumentare la consapevolezza del patrimonio e del rispetto dell’area protetta inserendolo in uno spirito produttivo che guardi alla conservazione della Natura quale elemento indispensabile per non inficiare il processo di sviluppo sostenibile”.

Il presidente nazionale di Federparchi Giampiero Sammuri, ha voluto sottolineare l’alta partecipazione al Forum, specificando come non siano numerose le Aree Protette d’Italia che abbiano già ottenuto le certificazioni della Fase 2. “In Aspromonte – ha detto Sammuri – abbiamo sempre riscontrato un convinto sostegno al percorso Cets da parte degli stakeholder, e siamo convinti che sarà così anche in questo nuovo step. Con la fase due il livello si alza: è uno stadio più impegnativo che riguarda direttamente i soggetti privati, consapevoli di un obiettivo da raggiungere nell’ottica di una promozione omogenea e complessiva del territorio in cui operano e in cui hanno le proprie attività economiche”.

Per Federparchi ha illustrato nel dettaglio la Fase 2 Giuseppe Dodaro: “Alziamo l’asticella, attraverso un percorso volontario in cui si fissa un accordo collaborativo tra operatori e Parco con la proposta di azioni specifiche volte alla promozione turistica in chiave sostenibile. Per ottenere la certificazione è necessario possedere già alcuni requisiti di base che rispondono a parametri nazionali e, al contempo, impegnarsi per un triennio alla realizzazione di attività di promozione sostenibile compatibili e condivise con il Parco dell’Aspromonte. E’ chiaro che le imprese che riceveranno il marchio Cets – ha detto in conclusione Dodaro -  ne beneficeranno in termini di visibilità e valorizzazione promozionale. Al Parco e Federparchi, invece, spetta il compito di monitoraggio e la predisposizione, in fase immediata, dell’elenco dei requisiti obbligatori da sottoporre agli operatori che intendono candidarsi all’ottenimento della Cets”.

Le novità non finiscono qui  il Parco nazionale dell’Aspromonte, in collaborazione con le Guide Ufficiali, ha organizzato anche un corso di formazione turistica per operatori che  si svolgerà dal 12 gennaio al 10 marzo.  “E’ un corso multidisciplinare  - ha spiegato il presidente delle Guide del Parco Luca Lombardi – che tratterà variegate tematiche, dalla Biodiversità alla sentieristica, dalla sicurezza al marketing, dalla cultura  all’inglese con 18 incontri in 9 moduli: la formazione è fondamentale per arrivare alla consapevolezza di fare impresa nell’Area Protetta”.  L’iscrizione al Corso di Formazione dovrà pervenire esclusivamente on line.  Info, programma e modalità di iscrizione al seguente link.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vado a posare il fucile e poi torno", gli attimi seguenti all'omicidio nel racconto del figlio delle vittime

  • Aperitivo con oltre 20 persone in un negozio etnico: cinque multe e attività chiusa

  • Per i Carabinieri ad uccidere i coniugi di Calanna sarebbe stato Francesco Barillà

  • Consumavano in un locale oltre l'orario di apertura: fioccano multe e chiusa l'attività

  • Duplice omicidio di Calanna, arrestato il responsabile della morte dei coniugi Cotroneo

  • La battaglia del primario Amodeo per una sanità pulita: "Non mi imbavaglieranno"

Torna su
ReggioToday è in caricamento