Da Europa, America e Asia cinque nuovi ambasciatori del Premio Nosside nel mondo

Il professore Amato ha comunicato i nomi dei 5 poeti nuovi del Premio mondiale di poesia, di cui sono in corso le iscrizioni alla XXXV Edizione

L'edizione dello scorso anno

Il presidente Pasquale Amato ha comunicato i nomi dei cinque poeti, nuovi ambasciatori del Premio Mondiale di Poesia Nosside, di cui sono in corso le iscrizioni alla XXXV Edizione. La rosa entro cui sono stati scelti è quella ristretta dei vincitori assoluti del Premio, i quali non possono più partecipare al concorso dopo aver ottenuto il massimo riconoscimento.

Sono Michele Carilli (Italia - 2015), Fredy Chikangana (Colombia - 2019); Davide Rocco Colacrai (Italia-Svizzera - 2019); Mukul Dahal (Nepal - 2009) e Ana María González (Argentina - 2018). Il professore Amato ha delineato il significato e le funzioni di questo "ramo particolare della famiglia sempre più universale del Premio dedicato alla poetessa locrese Nosside, illustrato dal logo del futurista reggino Umberto Boccioni e impreziosito dall'apporto dell'orafo crotonese Gerardo Sacco.

Un trittico di valore mondiale che è in sintonia con la dimensione globale dell'unico progetto dedicato ai poeti che si
esprimono in qualsiasi lingua o dialetto del Pianeta Terra e in ogni forma di comunicazione (scritta, in video e in musica).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli ambasciatori hanno il compito di promuovere e diffondere il messaggio culturale del Nosside: creare ponti e momenti di positiva cooperazione nello spirito del rispetto reciproco e paritario tra lingue e culture diverse del nostro pianeta. I 5 nuovi nominati raffigurano nella maniera più nitida lo spirito del Nosside, dalle Alpi alle Ande e all'Himalaya, dal cuore del Mediterraneo alla pampa argentina, e la sua apertura alle lingue senza confini: dal dialetto reggino-siciliano all’italiano e allo spagnolo, dalla lingua quechua degli Incas al nepalese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si nascondevano in Germania per sfuggire alla legge, un reggino fra i due italiani estradati

  • "Mandamento jonico", l'ex sindaco di Roghudi Lorenzo Stelitano ritorna in libertà

  • Festa di Madonna, la processione non si farà: la Sacra Effigie sarà esposta in Cattedrale

  • Incendiata l'auto di un imprenditore, la solidarietà di Confindustria e Ance Reggio

  • Trovato morto a Roma Rocco Panetta: il giovane gioiosano scomparso a giugno

  • Incidente rotatoria per Motta SG, auto "vola" e sbatte contro un muro: ferito il conducente

Torna su
ReggioToday è in caricamento