menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Stalking Day" del regista di origini calabresi Rocky Alvarez conquista il Geofilmfestival

Corto girato a Cannitello aVilla San Giovanni nello storico lido "Boccaccio" e già premiato all'"X World Film Festival di Roma"

Premiazione su Zoom e tramite app per il cortometraggio "Stalking Day" del regista di origini calabresi Rocky Alvarez, che si è aggiudicato il premio della giuria "800 anni" al "Geofilmfestival" di Cittadella (PD), ideato e presentato da Rocco Cosentino e incentrato  su ecologia del pianeta e temi sociali.

Su 5600 iscritti ridotti a 86 nelle fasi finali il corto calabrese sullo stalking subito da un uomo da parte di una donna ha conquistato la giuria per la categoria  "Tema libero", insieme ad altri corti di categorie diverse tra loro.  Secondo riconsocimento  in ordine di tempo perchè "Stalking Day"  è già stato premiato nel 2019 all' "X World Film Festival di Roma".

Alvarez è andato a "scomodare" grandi registi come Antonioni, Tarantino e altri mostri sacri della cinematografia mondiale, girando il corto in
un piano sequenza unico di oltre 6 minuti, per la durata totale di 9 minuti. Il cortometraggio è stato realizzato con un piccolo budget e cura
l'interessante e scottante tema dello stalking subito da un uomo dalla parte di una donna.

Il regista ha lavorato per due giorni sotto il sole dello stretto,insieme agli attori protagonosti, Marco Mauro, Maria Giovanna Quattrone, Didi Alvarez e le figurazioni speciali Samuela Piccolo, Tina Pellicanò e Veronica Mauro. Le riprese sono state effettuate dall'operatore dop Emiliano Chillico e, al drone, da Giorgio Alvaro.

Col supporto logistico per location e scenografia da parte di Max Barresi e fotografo di scena Nino Spurio, il cortometraggio è stato girato nella meravigliosa cornice dello Stretto di Messina, precisamente a Cannitello di Villa San Giovanni (RC), nello storico lido "Boccaccio".

Alvarez nel febbraio del 2019 ha aperto con il suo amico d'infanzia, diventato socio e produttore, Giovanni Carlo Gheda, una casa di produzione no-profit dal nome "Algae Cinema", con sede a Rozzano, nella zona sud di Milano. Il neo gruppo comprende l'attrice e consigliera/fondatrice Dina Della Bella, il maestro Luciano D'Addetta, che firma le colonne sonore del gruppo, insieme ad un altro musicista Agostino Rita, che ha confezionato alcune soundtrack per la pellicola calabrese. Del gruppo, fanno parte con entusiasmo, attori, sceneggiatori e ragazzi che già in poco tempo hanno collezionato 5 premi in vari festival per cortometraggi.

"Algae Cinema" è attiva anche in tempi di Covid, con un video presentato a giugno per la spesa solidale del comune di Rozzano, in questo periodo, è anche impegnata a pubblicare il "Mokumentary" girato tra Italia e Portogallo, dal titolo "Undercovid-emoutravida", protagonista lo stesso Alvarez anche in qualità di attore; il tema, una delusione d'amore in pieno Covid, prossimamente il montaggio da parte di Marco Mauro "factotum" del gruppo, oltre che attore,  è un noto showman reggino che aiuta spesso il gruppo dell'amico Alvarez.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento