rotate-mobile
Martedì, 5 Luglio 2022
Benessere

Più alcol bevi, più il tuo cervello si riduce: quanto si può bere in un giorno

I risultati della ricerca dimostrano come il consumo di alcol da leggero a moderato sia associato a riduzioni del volume del cervello, e suggeriscono come eliminare anche un solo drink al giorno potrebbe abbassare il rischio di invecchiamento precoce

L’alcol fa male, e non solo se assunto in grandi quantità. Secondo l'ISS (Istituto Superiore di Sanità) un consumo eccessivo di alcol è causa di almeno 60 tipi diversi di disfunzioni e danni alla salute, tra cui malattie cardiovascolari, cancro e danni al cervello. Ma secondo i più recenti studi anche un consumo da leggero a moderato (poche birre o bicchieri di vino alla settimana) può comportare danni alla salute generale e in particolare alterazioni della struttura e delle dimensioni del cervello associate a disturbi cognitivi. Una ricerca recente, condotta dal team dell'Università della Pennsylvania su oltre 36.000 adulti, ha rilevato, in particolare, che il consumo di alcol da leggero a moderato è associato a riduzioni del volume cerebrale generale e suggerisce come anche eliminare un solo drink potrebbe ridurre il rischio di invecchiamento precoce. Lo studio è stato pubblicato su Nature Communications.

"Questi risultati contrastano con le linee guida scientifiche e governative sui limiti di consumo sicuro", ha affermato il ricercatore Henry Kranzler, del Penn Center for Studies of Addiction. "Ad esempio, sebbene l'Istituto nazionale per l'abuso di alcol e l'alcolismo raccomandi alle donne di consumare in media non più di un drink al giorno, i limiti raccomandati per gli uomini sono il doppio, una quantità che supera il livello di consumo associato nello studio con la diminuzione del volume del cervello”. 

Lo studio

I ricercatori hanno utilizzato i dati di imaging multimodale di 36.678 adulti di mezza età e anziani sani della biobanca britannica (un ampio studio osservazionale a lungo termine istituito nel Regno Unito), registrando il numero auto-riferito dai partecipanti di "unità" di alcol consumate ogni settimana/mese (un’unità di alcol corrisponde a circa mezza birra) e convertendo le unità settimanali e mensili in unità giornaliere al fine dell'analisi. L’accesso ai dati della risonanza magnetica per ciascuno dei partecipanti, ha poi aiutato i ricercatori a capire come si erano modificate le dimensioni nel cervello sia della materia grigia che di quella bianca.

Più alcol consumi, più il tuo cervello si riduce

Coerentemente con la letteratura precedente, e dopo aver controllato fattori come età, BMI e sesso, i ricercatori hanno riscontrato associazioni tra l'assunzione di alcol e modifiche nella macrostruttura e microstruttura del cervello. I cambiamenti sono stati osservati in tutto il cervello, ma soprattutto in tre aree della corteccia: il tronco cerebrale, il putamen e l’amigdala. Più erano elevati i livelli di consumo di alcol, più il volume di queste aree si riduceva. Passare da zero a una unità di alcol non faceva molta differenza nel volume cerebrale, ma passare da una a due o due o tre unità al giorno era associato a riduzioni sia della sostanza grigia che di quella bianca.

 "Questo studio - ha sottolineato il team - evidenzia come anche il consumo moderato di alcol può essere associato a cambiamenti nel volume del cervello negli adulti di mezza età e negli anziani. Più bevi, più il volume del cervello si riduce”.

Bere due birre al giorno invecchia il cervello di 10 anni

Per dare un'idea dell'impatto dell'alcol sul cervello, i ricercatori hanno confrontato le riduzioni delle dimensioni del cervello legate al bere con quelle che si verificano con l'invecchiamento. Sulla base della loro modellazione, ogni unità di alcol aggiuntiva consumata ogni giorno si rifletteva con un maggiore invecchiamento del cervello. 

In particolare, i ricercatori hanno scoperto che i cinquantenni che bevevano quattro unità al giorno di alcol (due birre circa) avevano avuto una variazione nel volume della sostanza grigia e bianca equivalente a oltre dieci anni di invecchiamento. Passare da un consumo di zero a un'unità alcolica al giorno era, invece, associato a un invecchiamento di un anno e mezzo, mentre passare dal consumo di un'unità di alcol (circa mezza birra) al giorno a due unità (una pinta di birra o un bicchiere di vino) era associato a un invecchiamento di due anni. Passare da due a tre unità alcoliche alla stessa età era, invece, come invecchiare di tre anni e mezzo. 

Quanto alcol si può bere al giorno

Questa ricerca è osservativa, mostra cioè solo una correlazione tra il consumo di alcol e i cambiamenti cerebrali. Ma nonostante ciò, il team sottolinea che tutti dovrebbero ridurre il proprio consumo di alcol al giorno, anche di una sola unità alcolica, precisando che le persone che possono trarre il maggior beneficio dal bere di meno sono soprattutto le persone che già bevono di più.

A sottolineare come la riduzione o l’interruzione totale del consumo di alcol migliori la salute, anche l’Istituto Superiore di Sanità. “Buona parte dei rischi acuti - precisa l'ISS - risultano completamente reversibili con la sospensione del consumo di alcol. Persino tra le disfunzioni croniche, come la cirrosi epatica e la depressione, la riduzione o l’interruzione totale del consumo di alcol è associata a un rapido miglioramento della salute”.

(Fonte Today.it)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Più alcol bevi, più il tuo cervello si riduce: quanto si può bere in un giorno

ReggioToday è in caricamento