rotate-mobile
Salute

La dieta e l'ingrediente segreto per dimagrire in modo sano e naturale

Scopri gli alimenti da scegliere per perdere peso e l'importanza degli acceleratori metabolici naturali, che favoriscono il riequilibrio del metabolismo per dimagrire in modo sano e naturale

L’arrivo dell’estate porta allo scoperto alcune necessità che durante l’inverno rimangono assopite, complici l’abbigliamento e le basse temperature. Con il caldo invece, indossare abiti più freschi e leggeri diventa una necessità, e il corpo non può e non deve essere un freno. Per evitare di innescare meccanismi nocivi e autodistruttivi, la soluzione migliore è prendersi cura in modo sano e costante del proprio corpo, senza ricorrere a diete drastiche. Mettere al centro la salute è fondamentale, e solo così, con uno stile di vita sano, potremo recuperare una forma fisica che ci faccia sentire bene sotto tutti i punti di vista.

Il Dr. Luigi Alberto Marrari, di NATURALSALUS, start up innovativa incentrata nella ricerca e nella formulazione di prodotti naturali, ci spiega quali sono le cause dell’accumulo di grasso, e perché tendiamo ad accumulare peso in eccesso durante il periodo invernale. A seguire interessanti soluzioni naturali, che prevedono la detossificazione (perché è importante e ogni quanto fare un trattamento detox), una selezione di cibi che non devono mancare sulle nostre tavole per una sana e attenta remise en forme, e quali sono e cosa fanno gli alleati naturali per riattivare il metabolismo.

Perché in inverno accumuliamo peso in eccesso

Nel corpo umano ci sono due tipi di tessuti adiposi: il grasso bianco o tessuto adiposo bianco e il grasso bruno o tessuto adiposo bruno, entrambi coinvolti nel bilancio energetico del nostro organismo ma con funzioni diametralmente opposte.

  • Il grasso bianco è coinvolto nel deposito e nella mobilizzazione dell’energia sotto forma di trigliceridi e rappresenta una vera e propria sorgente di ormoni, tra cui leptina e adiponectina ma anche fattori di crescita ed enzimi.
  • Il grasso bruno ha la funzione opposta in quanto brucia le calorie ed è specializzato nel dissipare energia come calore durante la termogenesi indotta dal freddo o da una dieta ipercalorica.

Allenarsi all’aperto con il freddo durante l’inverno attiva le riserve di grasso bianco, ma anche il grasso bruno, quindi risveglia il metabolismo facendoci bruciare più calorie. La causa principale dell'aumento di peso invernale è legata all'aumento del consumo calorico e quindi all’aumento del grasso bruno. Ad esempio, per compensare le temperature più rigide durante le feste natalizie vengono consumati cibi golosi, ma ricchi di grasso come i tantissimi dolci della tradizione italiana.

Dimagrire in modo sano: cosa non deve mancare a tavola

Per una remise en forme sana la strategia vincente sta nel prediligere una dieta ricca di fibre e di cibi ricchi di acqua, vitamine e antiossidanti evitando il consumo di cibi fritti privilegiando l’uso di legumi e cereali integrali e le verdure in foglia.

Il consumo regolare di spezie ed erbe aromatiche, come ad esempio origano, cannella, menta, zenzero, finocchio, pepe nero, rosmarino e curcuma, può favorire i processi di depurazione dell’organismo. Le fibre, contenute perlopiù in frutta, verdura e legumi, aiutano anche la pulizia dell’intestino. Le crucifere (come per esempio cavolfiore, cavolo, verza, cavolini di Bruxelles, broccoli, cime di rapa) ricche di vitamine e di composti fitochimici disintossicano dalle tossine in generale; mentre le verdure a foglie verdi, come lattuga, sedano, spinaci cicoria e bieta, andrebbero introdotte nella dieta giornaliera perché ricche di clorofilla, vitamine, minerali e perché ci aiutano a liberarci dai metalli pesanti dagli inquinanti e dalle tossine.

Dal punto di vista fitoterapico, la recente letteratura medico scientifica ha evidenziato come il genere Opuntia, appartenente alla famiglia delle Cactaceae che annovera circa 300 specie, tra le quali l'Opuntia ficus indica, o Fico d'India, è considerata la più interessante e significativa nel trattamento del sovrappeso e dell'obesità, poiché la polpa disidratata che si ricava dalle pale ha un alto contenuto di Opuntiamannano, ricco di polisaccaridi, al quale si deve la capacità di legare i grassi e gli zuccheri ingeriti, rendendoli così meno assimilabili per l'organismo, che li elimina senza poterli utilizzare.

Alghe rosse commestibili: che cos'è e come si cucina l'alga dulse

Come riattivare il metabolismo: l'ingrediente segreto

Il primo passo è sicuramente seguire un’alimentazione sana priva di alimenti processati ma, spesso, non è sufficiente e, in determinati casi è possibile ricorrere all’aiuto dei cosiddetti “acceleratori metabolici naturali”, che essenzialmente forniscono all’organismo i componenti funzionali che non si riesce ad assumere con la dieta che favoriscono il riequilibrio del metabolismo, intervenendo in modo specifico sulla detossificazione del fegato, sul controllo del livello di colesterolo contribuendo al benessere cardiovascolare e al controllo del peso corporeo.

È possibile anche integrare nella quotidianità il Citrus aurantium o arancio amaro che, dal punto di vista farmacologico presenta una molecola naturale molto interessante quale la sinefrina. Questa molecola è in grado di interagire con i recettori B3 adrenergici, localizzati prevalentemente nel tessuto adiposo bruno e, questa peculiarità permette alla sinefrina di essere utilizzata a fini dimagranti. L’impiego dell’estratto di Citrus aurantium nella composizione rientra nelle preparazioni di molte strategie dimagranti in quanto la sinefrina lavora sui grassi corporei attivando la lipolisi, cioè il processo di rottura e consumo del grasso favorendo anche la termogenesi cioè provocando l’aumento delle calorie bruciate dall’organismo.

(fonte Today.it)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La dieta e l'ingrediente segreto per dimagrire in modo sano e naturale

ReggioToday è in caricamento