Frammenti di storia

Frammenti di storia

E nacque l'amaro Camozzi...

Un'impresa divenuta leggenda, una vittoria che lanciò la Reggina di Granillo e Tommaso Maestrelli verso la prima storica promozione in serie B

28 Marzo di 55 anni fa: a Reggio si corre il giro ciclistico della provincia lo vincerà un discreto velocista, Adriano Durante beffando due grandi dell'epoca come Vito Taccone e Franco Bitossi. Ma a Cosenza si gioca qualcosa di molto importante: la Reggina affronta i lupi silani in uno scontro tra due compagini che lottano per la promozione in serie B. Il San Vito ribolle di entusiasmo, 20.000 spettatori, molti con vessilli amaranto.

Reggina Camozzi 02-2Il Cosenza preme, Marmiroli colpisce i legni della porta di Persico, ma al 35' minuto un piccolo centrocampista amaranto, Pietro Camozzi lascia partire un bolide da oltre trenta metri che non lascia scampo a Milan e si insacca. Il Cosenza tenterà l'assalto all'arma bianca ma i ragazzi di Maestrelli resisteranno fino alla fine. Il derby è vinto la B non è un sogno....

28 Marzo 1965
COSENZA: Milan, Orlando, Nicchi, Fontana, Baston, Cantone, Palma, Gramoglia, Ciabattari, Marmiroli, Campanini. All. Rosati 
REGGINA: Persico, Gatto, Barbetta, Baldini, Gallusi, Neri, Alaimo, Camozzi, Ferrigno, Florio, Santonico. All. Maestrelli 
Arbitro: Vacchini di Milano 
Marcatore: 35' Camozzi 
Spettatori: 20.000 (tutto esaurito) con larga rappresentanza ospite.
Angoli 6-3 per il Cosenza

Frammenti di storia

Sono un giornalista pubblicista e in fin dei conti lo ero già quando, già dalle scuole elementari, mi divertivo a scrivere la cronaca delle partite di calcio. Prima di tutto, però, sono un appassionato della mia città e delle sue realtà sportive. Mi piace andare a cercare, attraverso la storia, le nostre radici, ciò che fa di questa terra un posto unico nonostante le sue criticità. Perché i ricordi hanno sempre un giorno e un'ora indelebili nel tempo. La mia filosofia è: guardare al passato per proiettarsi verso il futuro

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
ReggioToday è in caricamento