menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La squadra amaranto

La squadra amaranto

Reggina vs Marsala e la mela di Crotone

Il 16 maggio 1965 la Reggina di Granillo e Maestrelli otteneva per la prima volta nella sua storia la promozione in serie B, vincendo l’appassionante volata con Taranto e Casertana. Ma la storia di quel memorabile campionato visse un giallo che avrebbe potuto cambiare la storia

Correva il 25 Aprile e la Reggina si recava a Crotone con l’intento di vincere e mantenere il primato contro una squadra in piena lotta per non retrocedere. Già dopo 5’ Santonico metteva in rete sfruttando un cross di Alaimo deviato da Ferrigno. Ma alla mezz’ora il guardalinee appostato nella zona dei popolari affollati per lo più da tifosi amaranto (sono 3.000 al seguito della Reggina) cade a terra Sembrerebbe colpito da un sasso (si scoprirà poi che si trattava di una mela).

Fatto sta che il sign. Cirò di Rossano (questo era il nome del guardalinee) non se la sente di proseguire e l’arbitro Picasso di Chiavari è costretto a proseguire la partita con due guardalinee di parte, ovvero due tesserati delle società, proprio come nelle partite delle categorie più basse. La Reggina porta a casa il successo, ma in serata viene tratto in arresto il 31enne Umberto Pizzi fratello della celeberrima Maria Ciaciola e anch’esso sembrerebbe affetto da qualche problema psichico. S

ta di fatto che gli organi di giustizia infliggono la sconfitta a tavolino per 2-0 agli amaranto consentendo così al Crotone di conquistare due punti che saranno decisivi per la salvezza e costringendo il Marsala a venire a Reggio Calabria a giocarsi le carte per rimanere in serie C per fortuna senza riuscirci.

La partita contro il Marsala metteva di fronte il peggior attacco del campionato (quello dei siciliani) contro la seconda miglior difesa, solo 18 reti subite in 34 partite. La Reggina porta a casa uno 0-0 che significa serie B e festa grande per tutta la città.

Ecco le formazioni di qeul Reggina Marsala:
REGGINA: Persico, Mupo, Barbetta, Baldini, Gallusi, Gatto, Alaimo, Camozzi, Ferrigno, Florio Santonico. All. Tommaso Maestrelli – Presidente Oreste Granillo
MARSALA: Asaro, Rallo, Crivellante, Pucci, Canciani, Guzzo,  Panza, Stella 1°,  Toma, Massagrande, Bengasi. Allenatore Manlio Bacigalupo – Presidente Lombardo Angotta.
Aebitro: Firmi di Crema

Una curiosità: lo stadio municipale (ora Lombardo Angotta) di Marsala fu inaugurato il 19 Febbraio 1956 proprio in occasione di un Marsala – Reggina finità 1-1 con gol di Bumbaca per gli amaranto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Esaltare I tratti del viso? La risposta è il contouring

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento