rotate-mobile
Venerdì, 2 Dicembre 2022
Arredare

Rete per il letto, come scegliere quella più comoda senza sbagliare

Quali fattori è necessario considerare prima di compiere un acquisto del genere? Ecco cosa sapere

Un sonno di qualità è fondamentale per svegliarsi ed affrontare al meglio la propria giornata. A tal fine, però, è opportuno possedere un letto confortevole e resistente, che non può proscidere da un'ottima rete. 

Come scegliere al meglio questo prodotto? Cosa sapere in merito? Di seguito alcuni consigli fondamentali. 

Il materiale

Il legno e il metallo rappresentano le scelte più gettonate, in quanto maggiormente resistenti. Il primo è presente nei modelli recenti: il più costoso è quello in massello, mentre il pressato risulta economico ma - ugualmente - robusto. 

Il metallo ha dei costi ancora più bassi. In alternativa, sempre più spesso si stanno realizzando delle reti miste, con la la testiera e le doghe in legno, mentre la struttura portante viene costruita in metallo.

L’altezza 

Per un'ottima comodità, la rete deve essere collocata ad una giusta distanza dal pavimento. Ciò faciliterà la discesa dal letto, oltreché la pulizia della superficie. L’altezza ideale va dai 35 ai 45 centimetri; a questi bisogna aggiungere quella del materasso, che si aggira intorno ai 30 cm. Quindi il valore totale è compreso tra i 60 ai 70 centimetri.

Rete a doghe

La rete classica per eccellenza è dotata da una struttura in metallo, a cui viene agganciata una maglia a rete con molle. Tale sistema, ultimamente, è stato sostituito perché tende a perdere rigidità più rapidamente rispetto a quello a doghe.

Le reti a doghe, infatti, sono sempre più diffuse. Tali prodotti hanno una struttura in metallo a cui vengono agganciati dei listelli rettangolari in legno il cui spessore e la cui larghezza possono variare in base al modello. Più le doghe sono larghe e più la rete sarà rigida, mentre più sono strette e numerose e più morbido sarà il supporto garantito dalla rete.

I materiali utilizzati per le doghe sono principalmente tre:

- Faggio: è elastico ma bisogna scegliere con attenzione lo spessore, perché se troppo sottile non assicura un sostegno confortevole, quindi meglio non scendere sotto gli 8 millimetri

- Betulla: il materiale è molto rigido e con il tempo potrebbe diventare rumoroso

- Eucalipto: resistente e duraturo, la qualità dipende molto dallo spessore e dalla sua provenienza (meglio scegliere quello con certificazione europea)

Oltre al materiale queste reti sono caratterizzate anche dalla disposizione delle doghe che possono essere orizzontali o verticali. Nel primo caso la struttura ha una sua rigidità che viene incentivata dal materasso, solitamente quelli in memory sono i più indicati perché si adattano meglio alla rete.

Quelle verticali, invece, hanno una struttura in metallo esterna e due rinforzi centrali per sorreggere le doghe posizionate appunto in verticale: il risultato sarà una rete molto più rigida rispetto a quella con doghe orizzontali.

Esistono anche le reti con doghe elettriche. Queste sono la versione più moderna delle classiche reti con doghe in legno perché dotate di un motore che permette di alzare e abbassare una parte del letto in base alle proprie esigenze. Questo modello, infatti, è indicato per chi ha problemi respiratori e facilita la circolazione delle gambe.

Prodotti online

Rete a maglia morbida

Rete con doghe orizzontali

Rete doghe verticali

Rete doghe motorizzate

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rete per il letto, come scegliere quella più comoda senza sbagliare

ReggioToday è in caricamento