rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022
Casa

Conviene donare la casa ai figli minorenni? Ecco quanto costa

Cosa prevede la normativa in tal senso? E' possibile donare l'abitazione al figlio minorenne? Di seguito viene proposta un'analisi sulla questione

REGGIO CALABRIA - L'intestazione di una casa ad un figlio minorenne è un'operazione più frequente di quanto si possa immaginare. Ecco cosa sapere in merito. 

Chi svolge di solito la donazione

I casi più frequenti riguardano i contesti in cui i genitori si separano: il possessore dell'abitazione - che magari deve lasciare l'appartamento - spesso decide di affidare la casa al figlio come contropartita per l'assegno di mantenimento. 

C'è anche chi dona la casa alla prole per metterla al sicuro da eventuali creditori, o chi lo fa anticipando le proprie volontà testamentarie, così da evitare tasse di successione e contrasti tra gli eredi.

Infine c’è chi vuole semplicemente fare un gesto di altruismo nei confronti dei propri cari. 

Come eseguire la donazione ai minorenni

Bisogna stipulare un contratto con il consenso da parte del donatore e del ricevente. Ma al posto del minore l’accettazione dovrà essere fornita dal giudice tutelare. 

Prima di intestare la casa, infatti, è consigliabile presentare un ricorso in tribunale nella cancelleria del giudice tutelare, e chiedere di essere autorizzati alla donazione, manifestando tutti i vantaggi che si profilerebbero per il minore.

Il giudice, dunque, valuterà - solitamente in tempi rapidi - se concedere o meno l'autorizzazione. Poi avviene l'appuntamento dal notaio per la firma del rogito. Per la donazione sarà necessaria la presenza di due testimoni, che di solito vengono procurati dallo stesso studio notarile.

I costi

Quando si dona una casa ad un figlio minorenne non ci sono tasse di donazione da pagare, a meno che l'immobile non abbia un valore superiore al milione di euro. In quel caso si paga il 4% sull'eccedenza del valore. Le cose cambiano se la casa viene donata da uno zio ad un nipote, in quel caso l'imposta sull'eccedenza sarebbe del 6%, mentre per gli estranei è dell'8%. Esistono però le imposte di registro e catastali, nonché l’onorario del notaio

Donazione indiretta

Quando l'immobile non è di proprietà dal genitore, ma quest'ultimo vuole acquistarlo per poi donarlo al figlio, il meccanismo della donazione indiretta elimina il doppo passaggio; il genitore può pagare il venditore e intestarlo l'abitazione al figlio. Anche per questa tipologia di donazione è necessaria l’autorizzazione del giudice tutelare.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conviene donare la casa ai figli minorenni? Ecco quanto costa

ReggioToday è in caricamento