rotate-mobile
Domenica, 27 Novembre 2022
Domotica

Caminetto a bioetanolo, una soluzione tra risparmio e design

Funzionalità, estetica, ecosostenibilità. Sono queste le caratteristiche di un prodotto interessante, che rappresenta una valida alternativa per l'arredamento di uno specifico ambiente

Il caminetto a bioetanolo è un meccanismo di riscaldamento, talvolta ritenuto di nicchia, ma che può riservare delle piacevoli sorprese. Garantisce, infatti, il compromesso adatto tra una scelta "relativamente economica" ed una dal design accattivamente. I modelli di questo tipo, nell'ultimo periodo, si sono diffusi anche presso le abitazioni salentine. 

Ecco, di seguito, i vantaggi principali che propone un prodotto di questo tipo. 

- Ecosostenibilità: tale sistema coincide con la pulizia totale dell'ambiente circostante. Banalmente, a differenza di un camino tradizionale a legna, il bioetanolo non sporca, e soprattutto non comporta il rilascio di residui di cenere da togliere. Senza considerare, poi, che la mancanza di fumo garantisce l'assenza di odori forti.

- Il livello di calore: le fiamme che produce sono vere e - dunque - il riscaldamento è fornito in modo costante ed efficiente.

- Installazione: il montaggio non è complesso, o perlomeno non quanto un caminetto tradizionale. Il camino in bioetanolo, infatti, è installabile in spazi ridotti senza l'obbligo di avere a disposizione una canna fumaria e/o di apportare lavori di muratura. 

- Il costo: mediamente, il prezzo di montaggio di un camino a bioetanolo è inferiore rispetto a quello classico. Riguardo le spese di gestione, il combustibile ha un prezzo che può variare da 2,50 a 5,00 €/litro. Va considerato che - generalmente - l'uso medio si aggira intorno alle 4 ore al giorno con un consumo di 6 litri a settimana. Ovviamente, questo dato dipende dal grado di intensità scelto per la fiamma. 

- La manutenzione: rispetto al classico camino la manutenzione è davvero minima, se non - talvolta - assente. 

Le tipologie

Esistono vari modelli di camino in bioetanolo. Quelli citati prossimamente sono sono le tipologie maggiormente diffuse. 

- Da tavolo: spostabili da una stanza all'altra, sono piuttosto economici. Vengono impiegati più che altro per motivi estetici.

- Da incasso: tendono ad emulare - almeno esteticamente - i camini tradizionali. Chiaramente, prima di procedere con l'installazione è obbligatorio verificare se, nel punto indicato, passino cavi o tubazioni. 

- Sospesi: come suggerito dal nome, si appendono al soffitto e sono la tipologia più apprezzata pergli ambienti dal design ricercato.

- A parete: rappresentano la forma più diffusa in assoluto, con ingombri ridotti, e facilità di montaggio. In sostanza, è come installare un televisore. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caminetto a bioetanolo, una soluzione tra risparmio e design

ReggioToday è in caricamento