rotate-mobile
Martedì, 4 Ottobre 2022
Utenze

Manutenzione termosifoni: ecco il metodo per ridurre i consumi

La pulizia di queste macchine, da svolgere preferibilmente in autunno, è essenziale per contenere sia gli sprechi che i costi in bolletta. Un'ottima manutenzione, infatti, solitamente corrisponde ad una buona efficienza. Di seguito alcuni consigli utili in vista della nuova stagione

REGGIO CALABRIA - Per ottimizzare l'utilizzo dei termosifoni, ridurre sprechi e costi, è essenziale svolgere regolarmente alcune operazioni basiche che fungono da manutenzione.

Tra queste è incluso il monitoraggio della pressione riferita all'acqua dell’impianto - sempre indicata dal misuratore posto davanti alla caldaia - che non deve essere inferiore a 1 bar. 

Inoltre, il valore della quantità d’acqua dell’impianto - riportato sul manometro della caldaia - deve sempre essere compreso tra 1 e 1,3 bar. Qualora il livello sia insufficiente, basta aprire la chiave di carico fino al raggiungimento dei valori desiderati.

Per mantenere l'impianto sempre funzionante, è consigliabile procedere con la pulizia dei termosifoni; nello specifico è meglio farlo in due periodi dell'anno: quello primaverile, quando termina il loro utilizzo, e quello autunnale, ovvero prima che arrivi la nuova stagione fredda. 

Lavare i termosifoni

Indipendentemente dal materiale dei termosifoni - ghisa, metallo o acciaio - sarà comunque necessario procurarsi uno sgrassatore da mescolare con acqua calda, e da utilizzare per mezzo di un panno in microfibra. La fase numero uno dovrà essere impiegata per insaponare e togliere lo sporco; dopo si passerà al risciacquo e all’asciugatura con un panno di cotone.

Prima di cominciare, meglio riporre dei fogli di giornale sotto al termosifone, per preservare l'integrità del pavimento. 

Un altro metodo è quello di lavare i termosifoni con dei generatori di vapore, solitamente dotati di accessori in grado di arrivare in ogni angolo.

Eliminare la ruggine 

Questa si forma quando iniziano a manifestarsi i primi segni di usura o nell'eventualità in cui sia presente qualche perdita d'acqua. 

In realtà l'intervento da effettuare per porre rimedio non è difficilissimo, in quanto sarà necessario passare sulla superficie della carta vetrata o una spazzola in ferro. Prima di inziare, però, è bene verificare che il termosifone sia pulito e senza polvere. 

E' opportuno togliere tutti i residui di ruggine in eccesso per poi applicare un convertitore di ruggine, e provvedere alla verniciatura con prodotti non tossici sia per la salute che per l'ambiente. 

Spurgo dei termosifoni

Un'azione da effettuare quando le macchine non si riscaldano in modo omogeneo. In questo caso, infatti, è essenziale eliminare l’aria dall’impianto.

Lo spurgo avviene in modo semplice quando i termosifoni sono dotati di valvola di sfiato, mentre in mancanza di tale accessorio basta togliere la valvola con la chiave adatta. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manutenzione termosifoni: ecco il metodo per ridurre i consumi

ReggioToday è in caricamento