Covid, la dichiarazione di zona rossa nelle mani del ministro Speranza

Il vice ministro Sileri, durante lo speciale del Tg1 sulle elezioni americane, ha spiegato i meccanismi che potrebbero determinare il lockdown in Calabria

Cresce l’attesa per le scelte del ministro Speranza

Sarà il ministro alla Salute, Roberto Speranza a dire l’ultima parola sull’ultimo Dpcm firmato dal premier Giuseppe Conte ed a stabilire, attraverso una specifica ordinanza, quali regioni italiane si trasformeranno, sino al 3 dicembre, zone gialle, arancioni o rosse.

L’attesa per la Calabria, una delle regioni che rischiano il lockdown più pesante, si protrarrà ancora per alcune ore.

Intanto, però, il viceministro Pierpaolo Sileri, sentito durante lo speciale del Tg1 sulle elezioni americane, ha fissato alcuni paletti. L’ordinanza per il “braccio destro” di Speranza verrà emessa dopo un’attenta analisi “dei dati già in possesso dal Ministero e non aggiornati ad oggi”.

La decisione finale poggerà sullo studio della tenuta del servizio sanitario regionale e sulla capacità di tracciamento dei contagi, l’indice Rt che ne emergerà definirà il “destino” delle regioni analizzate.

“Il grado di rischio - ha detto Sileri - sarà modulato grazie ai dati che arriveranno al ministero della Salute e, quindi, aggiornato costantemente”.

Sui rapporti con le regioni, infine, il viceministro Sileri ha rimandato al mittente le polemiche sui contrasti con le amministrazioni regionali. “Con le regioni - ha detto - non c’è conflittualità ma solo richieste che giungono dal territorio che chiede maggiore partecipazione al confronto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Tar Calabria boccia la scelta di Spirlì, per i giudici amministrativi si può tornare in classe

  • Coronavirus, la Calabria resta in zona rossa: nuova ordinanza del ministro Speranza

  • 'Ndrangheta, sigilli alla "Pescheria del viale" e ai conti di Alfonso Molinetti e dei familiari

  • Un malore stronca un anziano sul centralissimo Corso Garibaldi

  • Birre al bergamotto e all’estratto di olive conquistano il palato e fanno bene alla salute

  • Le menti del "Farmabusiness" avevano puntato anche la Città dello Stretto

Torna su
ReggioToday è in caricamento