rotate-mobile
Mercoledì, 28 Settembre 2022
La proposta / Montebello Ionico

Per fermare lo spopolamento le case disabitate in vendita ad un euro

Il consigliere comunale Santo Federico lancia la proposta e chiede al Comune di avviare un bando per il censimento ed uno per l'assegnazione degli immobili

Acquisire al patrimonio del Comune tutte le case disabitate per il riutilizzo o l’assegnazione. La proposta, finalizzata a frenare lo spopolamento delle zone interne del comune di Montebello Ionico, è stata formalizzata in consiglio comunale da Santo Federico, capogruppo di “Coraggio di cambiare”.

Ma ecco cosa prevede l’idea avanzata dal consigliere comunale di opposizione. La proposta consiste nell’acquisizione al patrimonio del comune di tutte le case disabitate del territorio, ovviamente dopo aver fatto un bando ed un censimento, aperto a tutti i residenti e non del territorio di Montebello Ionico che hanno una abitazione di proprietà che vorrebbero cedere al comune per l’eventuale riutilizzo o assegnazione.

La riassegnazione dovrebbe avvenire nuovamente con bando pubblico, con l’obbligo di un prezzo formale che gli assegnatari dovranno sostenere, l’importo formale di un euro, con l’impegno di volturarsi l’abitazione in assegnazione ed entro un termine stabilito, ipoteticamente tre anni, che l’abitazione in questione venga ripristinata e renderla nuovamente abitabile.

Inoltre come incentivo, per il consigliere comunale Santo Federico, “sarebbe opportuno al fine di invogliare il ripopolamento del territorio oramai abbandonato, non fare pagare i tributi ai nuovi proprietari delle abitazioni, per un periodo di tempo che l’amministrazione riterrà opportuno, ipoteticamente due anni di no tax da quando l’abitazione viene resa fruibile”.

Questa idea, per il capogruppo di “Coraggio di cambiare”, potrebbe fermare “l’abbondono del territorio, in particolare sulla zona alta, fra Fossato e Montebello Ionico. Molti residenti, che per motivi di lavoro, per carenza dei servizi o perché raggiunti limiti di età, infatti, non hanno più la possibilità di vivere nel territorio montebellese quindi si trasferiscono a valle o addirittura fuori regione”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per fermare lo spopolamento le case disabitate in vendita ad un euro

ReggioToday è in caricamento