rotate-mobile
Giovedì, 1 Dicembre 2022
Il fatto

Lavori edili in un'area agricola, i carabinieri hanno denunciato due persone

I controlli sono stati effettuati dai militari della stazione di Cataforio in collaborazione con i colleghi dell'Arma forestale, scatta il sequestro delle aree interessate alle verifiche

L’attenzione dei carabinieri della compagnia di Reggio Calabria, coordinati dal colonnello Marco Guerrini, in materia di abusi edilizi è costante. In questo ambito, negli ultimi giorni, sono maturare due denunce per violazioni urbanistiche.

Nello specifico i militari dell’Arma sono stati impegnati negli ultimi mesi in una serie di controlli, con l’obiettivo, in sinergia tra i vari reparti, di mirare alla salvaguardia del paesaggio e al contrasto delle violazioni ai vincoli ambientali, soprattutto in difesa della particolare bellezza e unicità del nostro territorio, costituito da aree di notevole pregio e vincolate per decreto ministeriale.

In tale quadro, nei giorni scorsi, i carabinieri della stazione di Cataforio e della stazione carabinieri forestale di Reggio Calabria, hanno denunciato per le violazioni urbanistiche e paesaggistico – ambientali riscontrate, una donna 77enne, del posto, pensionata, e un 58enne, coniugato, imprenditore, già noti alle forze dell’ordine, in quanto riscontrato, a seguito di accesso ispettivo, che avessero avviato dei lavori edili, presso un’area agricola e in area sottoposta a diversi vincoli inibitori, in assenza di autorizzazione comunale a costruire, smaltendo illecitamente il terreno rimosso. Al termine delle operazioni, in particolare, i carabinieri operanti hanno sottoposto a sequestro le due aree di circa 100,00 metri quadrati ciascuna.

In particolare, l’operazione risale a un’attività d’indagine avviata dai militari dell’Arma, nell’ ottobre scorso che aveva già condotto alla denuncia di cinque persone, per violazioni inerenti realizzazione di manufatti edili in assenza di permessi a costruire o in difformità delle autorizzazioni concesse, ricadenti in aree sottoposte, tra gli altri, a vincolo sismico, paesaggistico – ambientale, o cimiteriale, alcune delle quali facenti parte della sede di un’attività commerciale del capoluogo reggino.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavori edili in un'area agricola, i carabinieri hanno denunciato due persone

ReggioToday è in caricamento