Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca Centro

Affido, al via il progetto sperimentale “In Family Netw"

Una iniziativa congiunta dell'ufficio del garante dell’infanzia e dell'adolescenza e il centro comunitario Agape per promuovere uno strumento utile e necessario al fine di sostenere i minori

Capita a volte nella vita di un bambino di avere bisogno di essere accolto in un'altra famiglia per superare un momento di difficoltà temporaneo. L'affido familiare è uno strumento utile e necessario per sostenere i minori e dare anche l'occasione agli adulti affidatari di aprirsi all'accoglienza. Nasce così il progetto sperimentale “In Family Netw” da una iniziativa congiunta tra l'ufficio del Garante dell'infanzia e il Centro comunitario Agape, finalizzato allo sviluppo di una rete centro-meridionale con l’obiettivo di favorire l’incontro tra il “bisogno di accoglienza familiare” rilevato dai servizi sociali territoriali e la “disponibilità all’accoglienza familiare”, suscitata e accompagnata dai servizi sociali dei Comuni che aderiranno, dalle associazioni e dalle reti familiari.

L’incontro tra “bisogni” e “disponibilità” che l’iniziativa "In Family Netw" intende favorire, attraverso anche l’attivazione di una banca dati di famiglie disponibili, ha il valore di un “pre-abbinamento esplorativo”. Punta cioè a facilitare il “contatto preliminare” tra i servizi sociali e tra questi e le associazioni e non entra nel merito della valutazione di idoneità delle famiglie disponibili né dell’abbinamento tra queste e i minorenni bisognosi di accoglienza, funzioni di competenza dei Servizi sociali titolari del caso e, per i percorsi giurisdizionali, dei Tribunali per i minorenni. Il ricorso a "In Family Netw" è deciso, di volta in volta, dal servizio titolare del caso, orientandosi ad utilizzarlo come modalità “sussidiaria”, a cui fare ricorso solo nei casi di inefficacia delle ordinarie modalità di individuazione delle disponibilità. 

Adesso per presentare l’iniziativa i sindaci dell’area della città metropolitana sono stati invitati ad una webinar che si terrà mercoledì 7 marzo alle ore 15. Sarà presente Marco Giordano del "Progetto famiglia" di Napoli, promotori del progetto. L’auspico del garante dell'infanzia Emanuele Mattia e del presidente di Agape Mario Nasone è che molti comuni possano aderire al progetto e mettersi in rete per potere dare ulteriori risposte ai bisogni dei minori che vivono un disagio familiare e sociale. Sono in programma a cura del Garante e di Agape ulteriori momenti di incontro e di formazione per gli operatori degli Enti Locali, per le famiglie e per le associazioni interessate.

Link per il collegamento  https://zoom.us/j/99346092661?pwd=RnNKZ0hKWUFJRFNqSzcwb3pLbjVoZz09

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Affido, al via il progetto sperimentale “In Family Netw"

ReggioToday è in caricamento