Africo, scoperta una distesa di marijuana: sequestrate 7500 piante

La piantagione, rinvenuta dai carabinieri in un’impervia area aspromontana, era presidiata da un sistema di foto-trappole

I carabinieri di Bianco, Africo e i cacciatori di Vibo Valentia hanno sorpreso cinque persone a coltivare un'estesa piantagione di marijuana in un’impervia area aspromontana. 

Le manette sono scattate ai polsi di Domenico Antonio Versace, nato a Locri, di 36 anni, e residente ad Africo; Francesco Strangio, nato a Locri, di 43 anni e residente a San Luca; Arcangelo Mollica, nato a Bova Marina, di 57 anni e residente ad Africo; Leo Mollica, nato a Melito Di Porto Salvo, di 57 anni e residente ad Africo; Rocco Morabito nato a Locri, di 36 anni e residente ad Africo.  Tutti risponderanno, a vario titolo, di produzione e traffico illecito in concorso di ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti.

L'indagine, avviata lo scorso luglio, ha consentito di rinvenire e sequestrare, nei pressi del vecchio centro di Africo, ben 7500 piante e quasi un chilo di marijuana già essiccata. Grazie a lunghi appostamenti e alle riprese video realizzate sulla piantagione dai militari è stato possibile identificare i coltivatori, tra questi, alcuni vicini per vincoli di parentela, alla cosca di ‘ndrangheta “Speranza–Palamara–Scriva” di Africo.

Come nell’operazione “Selfie” del 28 maggio scorso, anche in questo caso gli indagati hanno installato a presidio delle piantagioni alcune foto-trappole.  La strumentazione è stata sequestrata dai carabinieri per gli accertamenti tecnici.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bologna, partita di calcio finisce in rissa: arrestati tre reggini e due catanzaresi

  • Il gelatiere Marcianò e sua maestà il bergamotto vincitori assoluti della MAG Gelato Challenge

  • Niente cure dall'Asp per bimbo autistico, la madre: "Mi vergogno di essere calabrese"

  • Festa al Castello Aragonese, a Palazzo San Giorgio arrivano i carabinieri

  • Incidente sul raccordo autostradale, coinvolte due auto: traffico paralizzato

  • Carcere di Arghillà, sei ispettori per quasi 400 detenuti: la denuncia di Uilpa

Torna su
ReggioToday è in caricamento