rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
La denuncia

Ancora un'aggressione dentro il carcere di Arghillà, l'allarme del Sinappe

A denunciare quanto accaduto è stato il segretario provinciale del sindacato, un detenuto avrebbe colpito un agente della penitenziaria, giudicato guaribile in sette giorni, con il piede di un tavolo

“Ancora una volta ci troviamo a riferire di un’aggressione posta in essere nei confronti di un agente di polizia penitenziaria, da parte di un detenuto”. A denunciarlo e? il segretario provinciale del Sinappe Antonio Calzone, in servizio proprio presso il penitenziario reggino.

“Durante il rientro pomeridiano dei detenuti dai cortili passeggi, verso le ore 15.15 di ieri - spiega il sindacalista in una nota - un detenuto di nazionalita? italiana, brandendo tra le mani la gamba del tavolo, in dotazione alla propria camera di pernotto, che poco prima aveva divelto, senza alcun motivo apparente, si e? scagliato contro l’agente di turno, colpendolo con violenza e ripetutamente in diverse parti del corpo”.

“Dato immediatamente l’allarme - continua Calzone - grazie all'ausilio ed alla professionalita? del personale intervenuto, e? stato ripristinato l'ordine e la sicurezza all'interno dell'istituto di Arghilla?, purtroppo non nuovo a questi avvenimenti, soprattutto a causa della grave carenza organica che costringe a lavorare in condizioni precarie".

"All'agente aggredito - continua Calzone - accompagnato presso il pronto soccorso di Reggio Calabria, gli sono state riscontrate contusioni ed escoriazioni guaribili in 7 giorni”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ancora un'aggressione dentro il carcere di Arghillà, l'allarme del Sinappe

ReggioToday è in caricamento