rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
La firma / Bova

Alternanza scuola lavoro, c'è la firma di un nuovo protocollo d'intesa

L'accordo è stato sottoscritto dal vicesindaco Marino e dal dirigente del liceo Familiari, Vincenzo Zappia

Sottoscritto qualche giorno addietro, presso la sede dell'istituto Familiari, il protocollo d'intesa tra l’amministrazione comunale di Bova, rappresentata nell'occasione dal vicesindaco Gianfranco Marino, e l'istituto scolastico rappresentato dal dirigente Vincenzo Zappia. “

La firma del documento - spiega il vicesindaco Marino - sancisce di fatto una collaborazione che partirà operativamente già dal prossimo mese di gennaio. Nel solco delle esperienze di collaborazione poste in essere nell’ultimo anno con gli Istituti scolastici del territorio metropolitano, abbiamo inteso trasformare le nostre strutture in spazi aperti alla creazione e alla condivisione di contenuti. In quest’ottica si è pensato ad un percorso che, aprendosi agli istituti scolastici di Istruzione secondaria di secondo grado, ed in maniera specifica ai licei classici, possa sposare gli obiettivi della legge 107/2015”.

“La finalità del percorso di alternanza scuola/lavoro - prosegue Marino -  che abbiamo immaginato e proposto presso il museo della lingua greco-calabra “G. Rohlfs” (www.museogerhardrohlfs.it),  è da ricercarsi nella costruzione di uno spazio di confronto dinamico e aperto dove lo studente partecipi attivamente, in un ambiente educativo ed esperienziale in cui condividere una attività di museografia collettiva e partecipativa. Il progetto si profila come un processo di co-produzione dei contenuti culturali per la realizzazione di attività museali, uno spazio di costruzione e non solo di trasmissione di saperi e conoscenza che intende incrementare il percorso di integrazione degli studenti con quello di produzione culturale".

Tra le attività proposte ci saranno, partendo da uno studio dell’evoluzione linguistica in Calabria, anche la realizzazione di contenuti multimediali e la sperimentazione delle visite guidate all’interno del Museo e nelle sue sezioni urbane, che vedranno proprio gli studenti nella veste di ciceroni.

“Un doveroso ringraziamento - conclude Marino - va rivolto all'avvocato Zappia, dirigente dell'Istituto Familiari per avere colto fin da subito la valenza di un percorso che vuole coniugare la crescita dei nostri giovani alla riscoperta ed alla valorizzazione del nostro patrimonio culturale”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alternanza scuola lavoro, c'è la firma di un nuovo protocollo d'intesa

ReggioToday è in caricamento