Lunedì, 15 Luglio 2024
La decisione

Anche la Slc Cgil partecipa allo sciopero nazionale

La nota dei segretari, provinciale Domenico Barreca, e regionale, Felice Lo Presti

La Slc Cgil parteciperà allo sciopero nazionale di venerdì 17 novembre "che vuole contrastare la scelta miope di privatizzare Poste Italiane, e non solo, che non approva i tagli alle pensioni, che non vede un futuro stabile ma solo aumento della precarietà".

E' quanto affermano i segretari, provinciale Domenico Barreca, e regionale, Felice Lo Presti, che ribadiscono: "Inoltre, Poste Italiane continua ad abbandonare la Calabria, in particolare la provincia di Reggio Calabria. Nonostante gli utili dichiarati dall’amministratore delegato, la carenza di personale è evidente in tutti i settori e la gestione del personale è veramente allo sbando.

Con questo sistema di Caos programma adottato dalla dirigenza di Poste Italiane nell’Area metropolitana di Reggio Calabria, concludono Barreca e Lo Presti - si continua ad erogare straordinario per poter far fronte alla carenza di personale, a distaccare il personale in base a criteri personalizzati, a non rispettare gli accordi sottoscritti a livello nazionale, a non riaprire gli uffici postali chiusi per Covid, ad elargire premi non in base a criteri meritocratici ma in base ad altri fattori poco trasparenti, ed infine la sicurezza sui posti di lavoro è ridotta ai minimi termini. Tutto questo comporta una perdita di posti di lavoro ed anche di servizi per la pessima gestione in atto. Per questi motivi la SLC Cgil ha aderito allo sciopero nazionale del 17 novembre".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche la Slc Cgil partecipa allo sciopero nazionale
ReggioToday è in caricamento