menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una precedente protesta

Una precedente protesta

"Settemila eterni disperati senza prospettive di lavoro", l'accorato appello dei tirocinanti

Continua il calvario dei lavoratori: "Non c'è reale volontà politica di distogliere queste persone dalla loro drammatica e quotidiana condizione di precarietà"

"La vertenza dei settemila tirocinanti calabresi, ha dell'incredibile perché riguarda persone che tirocinano a vita presso enti pubblici e privati e ministeri (Giustizia, Miur, Mibact) di tutta la Calabria e che finora hanno sulle spalle soltanto quei anni persi nel prestare servizio presso gli stessi e credendo quotidianamente che questi sforzi rendano un giorno una più che giusta e plausibile contrattazione, dopo anni di lavoro "nero e legalizzato" e senza quei diritti che spettano al comune lavoratore".

E' quanto scrivono in una nota i tirocinanti della Calabria che continuano: "L'attuale giunta regionale di centrodestra si è dimostrata incapace ed insensibile al dramma quotidiano dei 7.000 tirocinanti calabresi (non esiste alcuna legge regionale varata da questa giunta calabrese che tuteli i tirocinanti nonostante l'esecutivo regionale precedente aveva preso l'impegno di storicizzare quantomeno i tirocinanti calabresi stessi).

In questi mesi si è assistito a quel fastidioso e inaspettato "scarico di responsabilità e di competenze" da parte dell'assessore al lavoro calabrese Fausto Orsomarso, come anche il suo collega con delega al welfare Gianluca Gallo, nel risolvere la drammatica vertenza dei tirocinanti calabresi che viene di fatto rimessa al Governo centrale Pd-M5S che mai si è pronunciato sulla vertenza, pertanto manca oltre ad una vera e propria volontà politica, la mancanza di una progettualità o quanto meno di un piano che garantisca una almeno minima prospettiva di lavoro". 

Per i tirocinanti "la cosa ancora più grave è che l'attuale giunta regionale di centrodestra ha intenzione di indire nuove manifestazioni d'interesse per reclutare nuovi e aspiranti tirocinanti che visto il trattamento quotidiano dei 7.000 attuali, non sarà dei migliori e che si prospetta come il nuovo specchietto delle allodole (senza ignorare le assunzioni che sono avvenute in questi mesi di legislatura calabrese per chiamata diretta e senza alcuna procedura selettiva a favore di appartenenti agli ambienti politici stessi).

La cosa più desolante sono i lagnosi proclami politici di sedicenti personaggi che in vista delle prossime regionali calabresi, sono interessati soltanto ad incrementare il proprio bacino di voti sulla pelle dei tirocinanti calabresi con vane promesse di interessamento della vertenza dei tirocinanti stessi, senza che ci sia nulla di concreto.

E anche le tre sigle sindacali calabresi (Uil, Cisl, Cgil) sono compiacenti e responsabili del dramma dei 7.000 calabresi in comune accordo con gli attuali assessori calabresi Fausto Orsomarso e Gianluca Gallo, oltre che incapaci di scendere in piazza insieme ai tirocinanti calabresi stessi che reclamano una più che giusta contrattualizzazione nelle aree in cui quotidianamente operano".

Prosegue pertanto il calvario dei tirocinanti "a cui continua ad essere negata una più che giusta contrattazione dopo anni e anni di precariato, senza dimenticare che si tratta di madri e padri di famiglia, molti dei quali con famiglie monoreddito". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento