rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
L'intervista

Messina Denaro, il generale Angelosanto: "Chi pensa a trattative segrete ci umilia"

L'ufficiale dell'Arma, con un passato importante alla guida del comando provinciale reggino, in un'intervista ad un quotidiano nazionale entra nel dettaglio del lavoro svolto dagli uomini del Ros: "Il 16 gennaio il telefono di Bonafede si trovava a Campobello"

"Chi pensa a trattative segrete o addirittura a una consegna concordata umilia gli investigatori e i magistrati che per anni hanno lavorato giorno e notte per catturare Matteo Messina Denaro". A dirlo in una intervista al Corriere della Sera il generale dei carabinieri Pasquale Angelosanto, il comandante del Ros che lunedì con i suoi uomini ha arrestato il boss della mafia ricercato da trent'anni. "Sono pronto a ripetere ovunque, anche in un'aula di giustizia, quello che sto dicendo. Lo devo ai miei uomini e tutti lo dobbiamo alle vittime delle cosche", aggiunge.

"Soltanto chi non conosce davvero la mafia può pensare a una trattativa segreta. Messina Denaro in tutti questi anni ha vissuto lontano dalla sua cerchia stretta di familiari e conoscenti - sottolinea - Noi e la polizia abbiamo arrestato centinaia di fiancheggiatori ma abbiamo sempre avuto la certezza che utilizzassero un'attenzione maniacale negli spostamenti e negli incontri. Inoltre i nostri pedinamenti dovevano essere inevitabilmente larghi proprio per non far scattare l'allarme. E poi c'è un altro elemento che non deve essere ignorato".

pasquale-angelosanto"Io - precisa il generale con un passato importante alla guida del comando provinciale dell'Arma di Reggio Calabria (nella foto di Frosinone Today) - ho sempre raccomandato di non lasciare nulla di intentato, ma anche di non rischiare. Davvero si può pensare che avremmo concordato la cattura in una clinica dove c'erano decine di malati con il rischio che potesse esserci un conflitto a fuoco o comunque che qualcuno potesse essere messo in pericolo?". E poi: "È finita la ricerca. La vera indagine comincia adesso e la sua abitazione-covo già individuata è soltanto l'inizio del nuovo lavoro che stiamo già facendo".

Grazie alle indagini e alle intercettazioni, afferma Angelosanto, "sapevamo di quali patologie soffriva Messina Denaro e abbiamo fatto partire le verifiche. Ci eravamo insospettiti perché in determinati momenti i suoi familiari avevano comportamenti anomali. All'improvviso annullavano impegni già presi, spegnevano i telefoni, diventavano irrintracciabili e dunque abbiamo pensato che questo potesse accadere in occasione di interventi chirurgici o comunque di cure mediche particolari".

"A quel punto - spiega il generale dell'Arma - ci siamo concentrati sui database sanitari e siamo andati su obiettivi mirati. Abbiamo cercato nelle province di Agrigento, Palermo e Trapani la lista di chi aveva oltre 55 anni e si stesse curando, anche con l'acquisto di farmaci specifici, per queste patologie. Abbiamo incrociato i dati e ottenuto una lista di circa 150 codici. Ci tengo a dire che non è mai stata violata la privacy dei cittadini perché abbiamo lavorato su codici, non su nominativi. Soltanto quando la cerchia si è molto ristretta abbiamo avviato le verifiche personali. E agli inizi di dicembre siamo arrivati a Bonafede".

Poi, il comandante del Ros scende nei particolari e al cronista che lo sta sentendo spiega un particolare operativo dell'indagine, molto simile alle tante condotte in provincia di Reggio Calabria nel contrasto alla 'ndrangheta, che ha portato all'arresto di Matteo Messina Denaro.

"Il 29 dicembre - conclude - ha prenotato una visita per il 16 gennaio. Ci siamo preparati per intervenire. Il soggetto corrispondeva anche perché appartenente a una famiglia mafiosa vicina al padre di Matteo Messina Denaro, ma c'era un'anomalia evidente. Quando aveva l'appuntamento fissato spesso era da un'altra parte. Il suo telefonino si trovava a Campobello. E questo è successo anche lunedì scorso. Poco prima della visita il vero Andrea Bonafede era a casa sua".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Messina Denaro, il generale Angelosanto: "Chi pensa a trattative segrete ci umilia"

ReggioToday è in caricamento