rotate-mobile
Domenica, 27 Novembre 2022
L'incontro

Arte e cultura nell'incontro con il maestro Berlingeri

Nel corso della serata, al Circolo di società, sono stati proiettati due video che hanno ripercorso la grande carriera dell'artista

Un incontro tra arte e cultura, al Circolo di società, con il maestro Cesare Berlingeri. Nato a Cittanova, attualmente l'artista dopo una carriera nazionale ed internazionale, vive a Taurianova alternando alla pittura, l'impegno come scenografo e costumista in diversi teatri.

L'incontro coordinato da Nino Cannatà, regista, scenografo, fumettista ideatore di Sadik, si è aperto con i saluti di Domenico Tromba, endocrinologo e presidente della commissione cultura del circolo. "Artista che non segue le mode -ha detto Tromba-  che ha creato un'arte ricca di luce,ombre ,colore. L'arte è plagio o rivoluzione, quella di Cesare è rivoluzione". 

Al tavolo dei relatori oltre il maestro, era presente il notaio Rocco Guglielmo direttore Museo di Catanzaro e grande estimatore del pittore, che ha parlato della sua arte e del modo di rappresentarla, ma anche dei tratti umani distintivi e che caratterizzano il sentire dell'artista.

Nel corso della serata, sono stati proiettati due video che hanno ripercorso la grande carriera del maestro Berlingeri con alcuni passaggi di interviste e recensioni fatte dai massima esperti del settore. Un artista contemporaneo originale, nelle cui opere, ogni "piegatura" rappresenta un'idea, una dimensione dello spirito, un concetto, un universo in movimento che contamina la sacralità dei luoghi con colori accesi, fondendosi con gli stessi in un unicum di sensazioni, emozioni e stati d'animo.

Proprio il sentire, la passione sono emerse nelle parole del maestro Berlingeri che con la sua genialità, la sua prospettiva ci ha regalato opere che resteranno nella storia. Inizia a dipingere da giovanissimo. Negli anni sessanta lavora come decoratore di chiese. Nel ‘68 viaggia in Europa immergendosi nel mondo della cultura contemporanea. Gli anni Settanta lo vedono a Roma, dove intraprende la carriera di scenografo e costumista per teatro e televisione ed è responsabile per il settore Arte dei centri servizi culturali CIF della Calabria.

L’attività per il teatro è sempre affiancata e contaminata dal suo percorso pittorico, per il quale utilizza agenti atmosferici come pioggia, vento, fuoco e materiali come la calce, la cartastraccia, il cemento e la tela. Dal 1989 al 1995 è docente all’Accademia d’Arte Drammatica della Calabria, realizzando scene e costumi per vari spettacoli, tra cui: Albergo di montagna (regia di F. Però, 1994), in scena al Festival Internazionale Teatro di Praga e La lunga notte di Medea (regia di A. Piccardi, 1995) al Festival di Taormina Arte. Una carriera lunghissima di cui è difficile elencare tutte le tappe. 

In conclusione, il dott. Tromba nel consegnare insieme alla presidente del circolo, Anna Luce D'Ascola,  una targa al maestro  Cesare Berlingeri, ha ringraziato la commissione cultura per lo splendido e intenso lavoro portato avanti.  

A dicembre, Cesare Berlingeri esporrà le sue opere al Palazzo della cultura di Reggio e sarà un momento importante per tutta la comunità per visitarla e conoscere l'artista. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arte e cultura nell'incontro con il maestro Berlingeri

ReggioToday è in caricamento