rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca

Associazioni antifasciste: nasce il nuovo Forum “nel ricordo delle partigiane e dei partigiani”

L’Anpi, Anpc, Fiap e Fivl hanno deciso di creare il “Forum delle associazioni antifasciste e della Resistenza”. Scelto il giorno speciale del 2 giugno per lanciare la novità

Oggi ricorre il 75esimo anniversario della Festa della Repubblica. Un giorno non indifferente per la nostra Italia, scelto da Anpi, Anpc, Fiap e Fivl per dar vita al “Forum delle associazioni antifasciste e della Resistenza”.

L’annuncio dell’avvenuta formazione del gruppo, arrivato nelle scorse ore, va a chiarire le finalità e le motivazioni dietro al Forum: “Molti, a torto, ritengono che – si legge nella nota a firma del fondatore Anpi Reggio Calabria Sandro Vitale – l'Anpi sia l'unica associazione di partigiani. In realtà, quando fu costituita, il 6 giugno 1944, nove mesi dopo l'inizio ‘ufficiale’ della Resistenza (8 settembre 1943), le organizzazioni partigiane decisero di dar vita ad un'unica associazione di partigiani, che ebbe nell'aprile del '45 il riconoscimento di Ente Morale, grazie ad un decreto luogotenenziale. In maniera analoga a quel che avvenne con la costituzione del Cln (Comitato di Liberazione Nazionale), formato da tutte le organizzazioni antifasciste, all'atto della fondazione l’Anpi comprendeva ‘unitariamente’ tutti i partigiani e le partigiane ed era retta da un consiglio formato da rappresentanti delle varie formazioni che avevano operato in tempo di guerra (Brigate Garibaldi, Giustizia e libertà di Ferruccio Parri, autonome, Brigate Matteotti, Mazzini, Brigate del Popolo di Enrico Mattei, formazioni anarchiche). 

L'unità dell'Associazione dei partigiani – spiega ancora Vitale - durò poco più di un anno. Come accadde per il governo e per il sindacato (la Cgil), l'unità dell'Anpicominciò a sgretolarsi e cominciarono a prevalere le divisioni politiche e culturali delle varie organizzazioni di ‘tendenza’. Già nel primo Congresso nazionale, indetto a Roma nel 1947, fra le varie componenti emersero divergenze in ordine a questioni di politica interna ed estera, che comportarono la fuoriuscita: 

  • nel 1948 dei cattolici e degli autonomi che costituirono la Federazione Italiana Volontari della Libertà (Fivl), presieduta dapprima dal Gen. Raffaele Cadorna, poi da Enrico Mattei;
  • nel 1949 delle componenti azioniste, legate a Giustizia e Libertà, da cui nacque la Federazione Italiana delle Associazioni Partigiane (FIAP) che ebbe come primo Presidente Ferruccio Parri.

 
Oggi, nel 2021, si torna a parlare di ‘unità d'azione’ tra – annuncia Sandro Vitale - le Associazione di partigiani Anpi, Anpc, Fiap e Fivl. L'Anpi di Reggio Calabria, il cui nucleo promotore iniziò ad operare proprio in occasione del 2 giugno 2010, grazie alla delega di ‘fiduciario’ (e quindi fondatore dell'Anpi) conferitami dal Presidente Carlo Smuraglia (l'ultimo Presidente partigiano), nacque con l'esplicito riferimento al modello del Cln e quindi all'unità degli antifascisti, con il netto rifiuto di qualsiasi riferimento a qualsiasi ‘bandiera’ di partito. Questi valori e questo orizzonte sono stati esplicitamente assunti dal Congresso di fondazione dell'Anpi della Provincia di Reggio Calabria, nel febbraio del 2011, alla presenza del rappresentante nazionale che partecipò e ‘validò’ il primo Congresso, durante il quale furono approvate mozioni ed ordini del giorno, che danno la cifra ed esplicitano il dna dell'Anpi di Reggio Calabria. 

Una storia straordinaria che – termina la nota - dovremmo scrivere e raccontare, una storia straordinaria che, con pochissime eccezioni, vogliamo continuare a scrivere. Con questa consapevolezza, sottolineo l'importanza dell'iniziativa del ‘Forum delle associazioni antifasciste e della Resistenza’, nel ricordo delle partigiane e dei partigiani, che scelsero la via della montagna, sognando un'Italia libera, democratica e giusta, il cui progetto fu affidato alle madri e ai padri Costituenti, in occasione del 2 giugno 1946.”

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Associazioni antifasciste: nasce il nuovo Forum “nel ricordo delle partigiane e dei partigiani”

ReggioToday è in caricamento