rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
L'affondo

Aumento stipendi manager sanità, D'Ippolito pronto all'esposto in procura

Il deputato di "Insieme per il futuro" contesta la scelta dei capigruppo del centrodestra di portare la proposta in Consiglio regionale

"Sarebbe imperdonabile se, a ridosso delle elezioni politiche, il Consiglio regionale della Calabria votasse a favore della proposta del centrodestra di aumentare i compensi dei vertici delle aziende pubbliche della salute". Lo afferma, in una nota, il deputato Giuseppe d’Ippolito, di Insieme per il futuro, il quale anticipa: "Se dovesse avvenire il fattaccio, allerterei la magistratura, sembrandomi un’operazione molto sospetta a poche settimane dal voto per il rinnovo del Parlamento".

È netto e perentorio il deputato lametino, che spiega: "Ai promotori di questa vergognosa e ingiustificabile iniziativa ricordo che la seconda legge Calabria scadrà nel prossimo novembre e che dunque appare insensato, illogico e offensivo dei calabresi il bonus in questione, dal sapore elettoralistico, del tutto sganciato da criteri di risultato e dal contesto in cui versa la sanità regionale, priva di medici, infermieri e Oss, con il Covid dilagante e il nuovo Programma operativo rimasto in sospeso come i primi 60, dei 180 milioni che avevamo stanziato, che la Calabria incasserebbe se fosse approvato questo strumento essenziale dimenticato dal centrodestra".

"Mentre proseguono i viaggi della speranza di malati e famiglie verso il Nord, sognando il cappotto elettorale, i consiglieri regionali del centrodestra – conclude D’Ippolito – perdono di vista il senso della realtà e il dovere di dare ai calabresi esempi di buon senso, in un momento di crisi economica, energetica e sanitaria che richiede responsabilità, giudizio e misura".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aumento stipendi manager sanità, D'Ippolito pronto all'esposto in procura

ReggioToday è in caricamento