rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
L'assemblea

Avis, Calipari: "L'impegno nella raccolta si rafforza non solo sangue intero ma anche plasma"

Dopo l’assise, il convegno sulle terapie trapiantologiche e cellulari con l’intervento di Massimo Martino, direttore del Centro trapianti midollo osseo del Gom

Si è svolta l'assemblea annuale dell'Avis comunale OdV di Reggio Calabria. Un momento importante anche per parlare dell' “Attuale impiego della terapia trapiantologica e cellulare in Italia”.

Un’occasione preziosa di formazione grazie alla relazione di Massimo Martino, direttore del Centro trapianti midollo osseo del Grande ospedale metropolitano Bianchi-Melacrino-Morelli di Reggio Calabria.

Espletati gli adempimenti di rito, con la relazione della presidente dell’Avis comunale OdV di Reggio Calabria, Myriam Calipari, si è dato inizio ai lavori assembleari presieduti dal presidente regionale Avis OdV Calabria, Franco Rizzuti.

Un altro anno è stato affrontato con spirito di servizio da tutte le componenti dell’associazione, e in particolare dai circa 5000 soci. Espletata l’essenziale attività di raccolta di sangue a beneficio delle persone ricoverate al Grande ospedale metropolitano di Reggio Calabria. Non solo sangue ma anche plasma.

convegno avis

"Il ruolo del plasma nell’ambito della raccolta regionale di sangue è sempre più essenziale, anche con riferimento alla produzione plasma derivati. La sfida è fondamentale e abbiamo dimostrato che, poste nelle condizioni di disporre di separatori cellulari, le unità di raccolta diffuse in Calabria possono dare un contributo importante all’obiettivo nazionale dell’autosufficienza. Sul fronte della raccolta di sangue intero, l’autosufficienza regionale è stata raggiunta. Dobbiamo impegnarci per mantenerla", ha affermato il presidente Avis Calabria, Franco Rizzuti.

Crescita e festa sono state, poi, le parole scelte poi dalla presidente Myriam Calipari per caratterizzare la sua relazione: "È stato un anno in cui abbiamo consolidato i rapporti con le istituzioni, con la Scuola allievi carabinieri, grazie alla straordinaria disponibilità del comandante, il colonnello Vittorio Carrara.

Abbiamo, altresì, rinsaldato la sinergia con le scuole secondarie di secondo grado della nostra città e con le associazioni culturali e sportive. Nel contempo abbiamo beneficiato anche di nuove collaborazioni, come quella con i gruppi Rotary del comprensorio che ci hanno donato nel mese di maggio un camper da utilizzare come polidiagnostica mobile di prossimità".

Tra gli ulteriori bei traguardi del 2023 c'è la raccolta periodica presso la nostra unità di raccolta oltre che di sangue intero anche di plasma, attraverso la quale abbiamo contribuito a portare la Calabria nella top ten delle Regioni italiane. Un impegno che nel 2024 conterà anche sull’utilizzo di due moderni separatori cellulari messi a disposizione dal Centro Trasfusionale.

Questa la nostra crescita che ci impegneremo per continuare a garantire in questo 2024 che sarà anche un anno di festa in cui celebreremo il 70mo anniversario dalla fondazione della nostra sezione.

I festeggiamenti inizieranno proprio nel giorno dell'anniversario, il 23 Marzo, con la celebrazione della Giornata del donatore e proseguiranno nel corso di tutto l'anno con eventi vari dedicati ai nostri donatori con il coinvolgimento di tutta la cittadinanza, ha evidenziato ancora Myriam Calipari, presidente dell'Avis comunale Reggio Calabria.

avis assemblea

La possibilità di donare plasma presso l'unità di raccolta di Reggio Calabria è dato di analisi anche nella relazione prettamente sanitaria della responsabile Enrica Pacchiano.
"La contemporanea presenza di donatori di sangue e di plasma nello stesso giorno ha stimolato la curiosità e la crescita culturale dei donatori verso una vera e propria donazione personalizzata che ci ha permesso di ridurre le sospensioni temporanee (emoglobina e ferritina inferiori alla norma).

Essa ha consentito, altresì, di migliorare l’indice donazionale e di contribuire, grazie alla sinergia con il centro trasfusionale e del dottore Alfonso Trimarchi, a raggiungere l’autosufficienza di medicinali plasmaderivati, uno degli obiettivi più importanti per il nostro Servizio sanitario nazionale.

"È opportuno sottolineare che la nostra Sezione è tra le prime in Calabria come produzione di plasma e dobbiamo proseguire in questa crescita con assiduità. Diventa quindi fondamentale, il ruolo attivo della nostra associazione, affinché i donatori percepiscano che ogni tipologia di donazione è importante per i pazienti. Sul fronte della raccolta è necessario un potenziamento del personale sanitario per continuare a crescere", ha sottolineato la responsabile dell’area sanitaria Enrica Pacchiano.

"Ancora una volta il volontariato era pronto prima del pubblico ad affrontare la sfida del plasma. E infatti stiamo dando un importante impulso anche a questa raccolta. Una donazione diversificata non solo accresce la diffusione della cultura della donazione sul territorio ma consente anche un risparmio sempre crescente in termini di plasmaderiveti che l’ospedale deve acquistare per i pazienti. I benefici sono, dunque, molteplici", ha detto il tesoriere di Avis nazionale Mimmo Nisticò.

"È stato un anno positivo per la raccolta sangue, grazie in particolare modo alla scuola Allievi carabinieri di Reggio Calabria che ha dato un impulso importante ai protocolli che stiamo sottoscrivendo anche con altre forze dell’ordine. Ovviamente il ringraziamento è, innanzitutto, da rivolgere alle associazioni senza le quali la risorsa del sangue, che occorre per il 90% delle prestazioni sanitarie erogate dal Gom, non sarebbe disponibile e la nostra sanità si fermerebbe. Il loro lavoro è parte integrante del processo che garantisce la qualità e la sicurezza del sangue.

Il plasma è la nuova sfida che già ci vede primi in Calabria e tra le prime in Italia, grazie anche ai fondi europei e ai separatori cellulari acquistati. I margini di crescita sono, dunque, notevoli", ha specificato il direttore del servizio di medicina trasfusionale del Gom di Reggio Calabria, Alfonso Trimarchi.

La relazione del tesoriere Antonio Perla, l'intervento dell’organo di controllo Santina Inserra hanno poi preceduto l'approvazione del bilancio consuntivo del 2023 e la ratifica del bilancio preventivo 2024.


A conclusione dell’assemblea anche i saluti della presidente dell’Avis provinciale OdV di Reggio Calabria, Vanna Micalizzi. "Nelle prossime settimane anche la nostra assemblea, momento essenziale di partecipazione alla vita associativa e luogo in confrontarsi sulle sfide da continuare ad affrontare come quella del plasma e dell’autosufficienza".

Il convegno

La fase assembleare è stata seguita dal convegno dal titolo Attuale impiego della terapia trapiantologica e cellulare in Italia. Numerosi i saluti introduttivi tra i quali quelli del comandante della scuola Allievi Carabinieri, il colonnello Vittorio Carrara, che con il generale Sebastiano Destro Castaniti, è stato insignito della Benemerenza di Amico dell’Avis. "Per noi è un onore oltre che un dovere dare il nostro contributo alla nobile causa della donazione del sangue. Continueremo ad esserci e a farlo con sempre maggiore impegno", ha detto Vittorio Carrara, comandante della scuola Allievi Carabinieri di Reggio Calabria.

La relazione sul tema è stata affidata al direttore del Centro Trapianti Midollo Osseo del Gom di Reggio Calabria, Massimo Martino. "Oggi possiamo affermare che le promettenti frontiere delle cure di patologie oncologiche consistenti nelle cure chiemoterapiche di ultima generazione, fortemente individuali e mirate, segnano un traguardo molto incoraggiante: determinate categorie di persone malate, che fino a tre anni fa non avrebbero avuto speranza, in alcuni casi oggi possono guarire. Altrettanto positivo è lo sviluppo delle terapie trapiantologiche e cellulari, con i trapianti autologhi di cellule staminali e con i trapianti allogeni, ossia da donatori diversi da sé stessi. Essi stanno segnando nel nostro Paese importanti traguardi.

Per esempio con riferimento alla leucemia acuta, la terapia trapiantologica è parte integrante del percorso di cura. L'altra buona notizia è che sia le cure convenzionali più evolute che le terapie cellulari e trapiantologiche sono praticabili anche in Calabria e a Reggio al Gom, senza necessità di migrare. La ricerca prosegue e l'auspicio è che sempre più categorie di persone malate possano ricorrere a terapie in grado di ridare speranza e di incrementare il tasso di guarigione", ha spiegato Massimo Martino, direttore del Centro trapianti midollo osseo del Gom di Reggio e presidente del Gitmo, il Gruppo italiano trapianto di midollo osseo, cellule staminali emopoietiche e terapia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Avis, Calipari: "L'impegno nella raccolta si rafforza non solo sangue intero ma anche plasma"

ReggioToday è in caricamento