rotate-mobile
Cronaca Bagnara Calabra

Pesca illegale, due esemplari di pesce spada e un aguglia sequestrati al porto di Bagnara

Il pescato, giudicato idoneo al consumo umano dal personale dell’Asp, è stato donato in beneficienza alle locali associazioni caritatevoli

Una rete, utilizzata illegalmente, e quasi 197 chili di prodotto ittico sono stati sequestrati, questa mattina alle prime ore dell'alba, dagli uomini della Guardia Costiera di Reggio Calabria nel porto di Bagnara Calabra.

I militari del locale Ufficio marittimo, dopo una serie di controlli effettuati allo sbarco del pescato, hanno elevato all’armatore e al comandante del peschereccio una sanzione amministrativa di 2.666 euro, perchè "ha utilizzato a bordo un attrezzo in modalità non consentita".

"La norma - spiegano dalla Guardia costiera - prevede, a carico dell’armatore e/o del comandante, la sospensione della licenza di pesca per un periodo da tre mesi a sei mesi e, in caso di recidiva, la revoca della stessa".

Rete sequestrata-2Il pescato, due esemplari di pesce spada e un aguglia imperiale, giudicato idoneo al consumo umano dal personale dell’Asp, servizio veterinario di Reggio Calabria,  successivamente al sequestro è stato donato in beneficienza alle locali associazioni caritatevoli.

"Il pesce spada - ricorda la Guardia costiera - rientra tra le specie ittiche protette la cui cattura è sottoposta a particolari restrizioni dettate dalle vigenti normative nazionali e comunitarie". Pertanto continueranno i controlli per  "contrastare questo fenomeno, in mare, allo sbarco e nei punti vendita, quale impegno fattivo per la salvaguardia dell'ambiente marino".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pesca illegale, due esemplari di pesce spada e un aguglia sequestrati al porto di Bagnara

ReggioToday è in caricamento