rotate-mobile
Giovedì, 18 Agosto 2022
L'incontro

La bandiera dell'Armenia sventola su palazzo San Giorgio

La commissione Pari opportunità ha ospitato il professore Sebastiano Stranges e il presidente dell'associazione Armenia-Calabria Carmine Verduci

Armenia 2-2Nell’imminenza del 24 aprile, giornata della memoria del genocidio degli Armeni, sono stati auditi, durante i lavori dell’ottava commissione consiliare Pari opportuntà, Pace, diritti umani, relazioni internazionali e Immigrazione, il professore Sebastiano Stranges, studioso, geologo, archeologo e naturalista  e il dottoew Carmine Verduci, presidente della Pro loco di Brancaleone nonchè vice presidente dell’associazione Armenia-Calabria (nella foto la bandiera a palazzo San Giorgio).  

Dopo i saluti e l’introduzione a cura della presidente Teresa Pensabene, il professore Stranges ha riferito sulla tragedia umanitaria avvenuta tra il 1915 1 il 1917, durante la prima guerra mondiale, ad opera dei giovani turchi dell’Impero Ottomano che deportarono ed eliminarono oltre un milione e mezzo di Armeni.  A partire dal 1965  ventinove paesi nel mondo hanno riconosciuto Il genocidio, tra cui l’Italia nel 2019, ma già nel 2015, Papa Francesco ha definito il massacro del popolo armeno come il primo genocidio del XX secolo. 

Questo richiama alla memoria l’olocausto degli Ebrei, avvenuto appena  qualche decennio dopo, durante la seconda guerra mondiale e le tante guerre che ancora si combattono, tra cui quella   in Ucraina, le quali  rivelano  come l’umanità, dimenticando  i crimini e gli orrori della guerra, non riesce a vivere in pace. 

L’intervento del professore Stranges ha evidenziato poi  il profondo legame che unisce l’Armenia e la Calabria dove vi sono molte tracce archeologiche e radici  religiose, culturali, toponomastiche,  usi e tradizioni  tipiche delle antiche popolazioni armene stabilitesi nei secoli  in Calabria.

Oggi l’associazione Armenia-Calabria, come ha affermato Carmine Verduci  nel suo intervento, sta portando avanti con successo una importante azione di valorizzazione del patrimonio storico e culturale degli Armeni di Calabria, e di promozione turistica dei  territori  posti tra Brancaleone, Bruzzano, Ferruzzano, Staiti e di altri comuni calabresi. La Valle degli Armeni sta diventando un brand di importante attrazione turistica a livello europeo, in agosto ci sarà la visita dell’ambasciatrice armena anche a Reggio Calabria.

Il 24 aprile a palazzo San Giorgio sarà esposta la bandiera armena, In segno di vicinanza e solidarietà al popolo armeno e con l’intento di mettere sempre al centro delle relazioni tra i popoli i valori del rispetto reciproco e della Pace.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La bandiera dell'Armenia sventola su palazzo San Giorgio

ReggioToday è in caricamento