rotate-mobile
La donazione / Palmi

Un pulmino per accompagnare i migranti è stato donato alla diocesi

La donazione è stata effettuata dalla Bcc della Calabria ulteriore, il mezzo sarà in uso alla Caritas diocesana di Oppido Mamertina-Palmi

La Bcc della Calabria ulteriore, come scrive l’Ansa, ha donato un pulmino alla Caritas diocesana di Oppido Mamertina-Palmi. La cerimonia si è svolta alla Curia di Palmi alla presenza del presidente del Cda dell'istituto Sebastiano Barbanti. Il mezzo è stato benedetto dal vescovo mons. Francesco Milito presenti il direttore della Caritas diocesana diacono Michele Vomera e la presidente dell'associazione I segni dei tempi Noemi Trimarchi.

"Siamo molto contenti della donazione - ha detto Barbanti - perché è lo specchio dei valori della nostra comunità bancaria che fa della solidarietà uno dei criteri guida. In questi mesi di rilancio stiamo seminando diversi semi sul territorio che siamo sicuri prima o poi germoglieranno. Il nostro obiettivo è costruire una banca a prova di futuro e per farlo vogliamo gettare solide fondamenta che vadano oltre le persone che in un dato momento si trovano alla governance dell'istituto. Vogliamo creare una rete di valori condivisi che saranno le linee guida future della Bcc".

"Per noi - ha detto ancora Barbanti - è un privilegio avviare una collaborazione con la Diocesi che sono sicuro diventerà ogni giorno più intensa. D'altronde, come Bcc, per statuto, non abbiamo l'obbligo di fare utili. Quello che raccogliamo lo reinvestiamo sul territorio. Naturalmente con la necessaria prudenza perché il numero di persone che possiamo aiutare è direttamente proporzionale al nostro patrimonio: più cresce più avremo possibilità di erogare finanziamenti e innescare un circolo virtuoso col territorio".

Monsignor Milito, dopo aver ringraziato la Bcc, si è mostrato interessato alle attività della banca ed ha discusso con Barbanti sul valore dell'etica in economia. Vomera ha raccontato la genesi dell'iniziativa che parte dall'allora dg della Banca Mario Corvo. Andando al lavoro notava la coda di migranti che si recavano nei campi per lavorare.

Ha poi scoperto che il caporalato spesso si annida proprio nei mezzi di trasporto. Il pulmino, quindi, farà la spola in orari prestabiliti fra la baraccopoli di San Ferdinando o l'insediamento di Testa dell'acqua per accompagnare i migranti. Il pulmino servirà anche per altre esigenze ed è stato già usato per portare gli ucraini ospiti della Diocesi a vedere le luminarie di Tropea. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un pulmino per accompagnare i migranti è stato donato alla diocesi

ReggioToday è in caricamento