Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I Carabinieri spezzano gli appetiti delle famiglie di 'ndrangheta sui buoni spesa Covid | VIDEO

I militari della compagnia di Bianco hanno concluso le indagini dell'operazione "Tantalo", 135 i soggetti deferiti alla procura di Locri su oltre 900 domande presentate nei comuni della Locride, un terzo degli indagati ha rapporti di parentela con le cosche locali

 

I militari della compagnia carabinieri di Bianco, coordinati dal comandante provinciale dell’Arma Marco Guerrini, hanno deferito in stato di libertà, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Locri, diretta dal procuratore Luigi D’Alessio, 135 persone, residenti nella Locride, in particolare sulla costa jonica, ritenute responsabili di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche.

I provvedimenti in questione scaturiscono da un'attività d’indagine, denominata "Tantalo", dal nome del personaggio della mitologia greca, il cui supplizio è consistito nell’avere per sempre una fame e una sete impossibili da placare,  avviata e condotta durante tutto il periodo del primo lockdown (da aprile a giugno 2020), a seguito degli aiuti straordinari introdotti dal Governo per il periodo di emergenza sanitaria (i cosiddetti “buoni spesa Covid-19”).

I buoni alimentari, come noto, sono stati erogati direttamente dai Comuni alle persone e alle famiglie in difficoltà economica, per acquistare alimenti, farmaci e altri beni di prima necessità. Ciascun Comune, poi, ha avuto la possibilità di scegliere in autonomia i requisiti per la concessione del bonus, garantendo somme variabili a seconda di vari indici di valutazione e attribuendo priorità a chi non riceveva altri sostegni economici pubblici.

Le indagini dei carabinieri di Bianco

L’operazione è nata dall’impulso delle stazioni carabinieri della compagnia di Bianco, veri e propri presidi sul territorio, che in quei giorni, nel corso delle normali pattuglie quotidiane, hanno recepito le lamentele e la disperazione di alcuni cittadini, riguardanti presunte irregolarità nella concessione dei buoni alimentari. Le indagini, di natura tradizionale e documentale, hanno consentito di accertare che gli indagati si sarebbero procurati, senza averne titolo, un ingiusto profitto derivante dalla indebita percezione dei cosiddetti “buoni spesa Covid-19”.

In particolare, gli accertamenti effettuati dai militari della Compagnia di Bianco hanno consentito di verificare, spiegano dal comando provinciale dell'Arma che "i soggetti che hanno aderito ai rispettivi bandi comunali hanno dichiarato informazioni non corrispondenti al vero, sostenendo in generale di trovarsi in condizioni di difficoltà economica e di indigenza, nel tentativo di indurre in errore le amministrazioni comunali e ottenere così un ingiusto profitto".

Le false attestazioni

"Le informazioni fornite non correttamente vanno dalla falsa attestazione sulla residenza e sull’indicazione dei componenti del nucleo familiare - l’elargizione era connessa anche all’effettivo stato di bisogno della famiglia - all’omessa o falsa indicazione di ricevere, nel medesimo periodo, altri sussidi sociali (indennità di disoccupazione, periodi retribuiti di malattia dei c.d. “braccianti agricoli”, pensioni di invalidità, l’indennità di maternità e lo stesso reddito di cittadinanza) che, superata una certa soglia, non avrebbe consentito l’ottenimento del buono alimentare".

I comuni controllati

Nel dettaglio, i carabinieri hanno prima individuato tutti i soggetti che hanno presentato, presso i rispettivi comuni di residenza, la domanda per ottenere il buono spesa (quasi 900 le domande giunte ai Comuni di Africo, Bianco, Brancaleone, Bruzzano, Caraffa del Bianco, Casignana, Ferruzzano, Palizzi, Samo, San Luca, Sant’Agata del Bianco e Staiti). Successivamente, con il coordinamento della Procura della Repubblica di Locri, i militari dell’Arma hanno analizzato la documentazione e le autodichiarazioni presentate, accedendo anche all’interno delle abitazioni dei soggetti interessati, al fine di accertare la veridicità di quanto sottoscritto. Infine, i carabinieri hanno approfondito, con l’ausilio dell’Inps, degli istituti di credito e delle banche dati in uso alle forze di polizia, la posizione economica degli interessati, ottenendo una conferma dei sospetti iniziali.

I raggiri usati

I 135 soggetti sono stati pertanto deferiti in stato di libertà, per aver presentato ai Comuni domande in cui hanno attestato falsamente di possedere i requisiti previsti, al fine di ottenere indebitamente i buoni alimentari (il cui valore, per ogni soggetto, in media oscilla tra gli 80 e i 200 euro).

Un terzo degli indagati vicino alle cosche

“Il dato di fatto” fanno sapere dalla Compagnia di Bianco “è che circa un terzo degli odierni indagati risulta avere legami di parentela con soggetti appartenenti a ‘ndrine o a famiglie di interesse operativo”. Degli indagati, infine, oltre la metà risiede nel Comune di San Luca. Tra loro, anche un sorvegliato speciale di pubblica sicurezza, già percettore del reddito di cittadinanza, nonché la sorella di un uomo tuttora latitante, che nello stesso mese in cui ha percepito il “buono spesa covid-19” ha anche sottoscritto buoni fruttiferi per il valore di 7.000 euro. Le denunce sono ora al vaglio della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Locri, e stanno seguendo il loro corso: tutte tranne dieci, che sono archiviate (sette per tenuità del fatto, tre “perché il fatto non sussiste”).

L'analisi dei contenuti

L’indagine è stata possibile grazie ad una attenta analisi documentale, corroborata da una profonda conoscenza, da parte dei carabinieri, del territorio e delle comunità, in risposta al grido di aiuto di tutti coloro che sono stati seriamente colpiti dalle conseguenze del lockdown. I militari dell’Arma hanno stimato che le somme indebitamente percepite hanno comportato un danno erariale pari a oltre ventunomila euro. I controlli sui percettori di bonus, sussidi e buoni spesa continueranno in tutta la provincia di Reggio Calabria, con l’obiettivo di tutelare, difendere e promuovere la giustizia sociale anche nell’ambito di elargizioni economiche pubbliche.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ReggioToday è in caricamento