Sotto il sedile dell'auto nascondevano la marijuana, due giovani finiscono in manette

Gli arresti sono scattati al termine di un controllo effettuato dai carabinieri lungo la Strada statale 106. Dopo le formalità di rito uno è rimasto in carcere e per l'altro sono stati disposti i domiciliari

Una pattuglia dell'Arma di Bianco

I carabinieri del comando provinciale di Reggio Calabria, guidati dal colonnello Marco Guerrini, hanno arrestato a Bova Marina: S.M. e C.C., di 25 e 29 anni, trovati in possesso, complessivamente, di 200 grammi di marijuana. La nascondevano in macchina, sotto al sedile del passeggero.

Droga, ancora droga, sempre droga. E tra gli stupefacenti la marijuana è quella che, senza dubbio, per facilità di vendita e di produzione, è sempre presente nella cronaca giudiziaria della nostra provincia. Lo sanno bene anche i carabinieri della Compagnia di Bianco, che continuano a tenere la guardia alta e a contrastare il fenomeno con controlli a tappeto su tutta la costa jonica reggina.

A farne le spese, questa volta, S.M. e C.C., originari di Palizzi. I militari della Radiomobile – per intenderci, quelli che intervengono quando si chiama il 112 – domenica sera, hanno fermato i due insieme in auto sulla Statale 106 a Bova Marina, allo svincolo per Palizzi. Uno dei due, però, era già noto ai militari per essere stato sorpreso, in passato, in possesso di stupefacenti.

Vista la situazione, i carabinieri hanno deciso di approfondire la situazione, perquisendo la macchina. E i loro sospetti erano fondati: sotto il sedile anteriore del passeggero, infatti, confezionati in una busta di plastica, c’erano circa 200 grammi di marijuana. Sono quindi scattate le manette per i due giovani, che dovranno ora rispondere del reato di detenzione illecita di sostanze stupefacenti.

Una volta finiti al carcere “Panzera” di Reggio Calabria, l’arresto è stato convalidato: il primo giovane è rimasto in carcere, mentre il secondo attenderà il processo agli arresti domiciliari.

Non si ferma, quindi, il contrasto ai reati in materia di stupefacenti da parte dei carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria. Soltanto a fine ottobre, a Melito Porto Salvo, altri due ventenni erano stati arrestati perché beccati, non lontani dalla caserma dei carabinieri, in possesso di circa due chili di hashish e marijuana. Il contrasto, infine, è sempre accompagnato da numerose iniziative per promuovere la legalità e scoraggiare, soprattutto nei più giovani, il consumo di ogni tipo di droga.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Tar Calabria boccia la scelta di Spirlì, per i giudici amministrativi si può tornare in classe

  • Lavori sulla linea ferroviaria jonica, operaio muore nei pressi della stazione di Condofuri

  • Birre al bergamotto e all’estratto di olive conquistano il palato e fanno bene alla salute

  • Pioggia e vento su Reggio Calabria, allerta meteo arancione: il Comune attiva il Coc

  • Uomo si barrica in casa, i Carabinieri lo stanano e lo portano in ospedale

  • Verso il 25 novembre, Maria Antonietta finalmente lascia il Gom e torna a casa

Torna su
ReggioToday è in caricamento