Dentro le serre mille piantine di canapa indiana: una famiglia finisce in manette

I Carabinieri di Bovalino e i militati dello squadrone cacciatori "Calabria" hanno arrestato padre, nadre e figlio del posto, la droga immessa nel mercato illegale avrebbe fruttato 1 milione di euro

I Carabinieri durante i controlli nelle serre

carabinieri bovalino droga-2Coltivavano dentro due serre mille piante di canapa indiana (nella foto), che immesse sul mercato illegale avrebbero fruttato 1 milione di euro, in manette una famiglia di Bovalino. La scoperta è stata effettuata dai Carabinieri della stazione di Bovalino che, unitamente ai militari dello squadrone eliportato cacciatori “Calabria”, hanno arrestato in flagranza di reato, con l’accusa di produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti e di armi e munizioni, i coniugi C.D. 59enne di Bovalino, già conosciuto alle forze dell’ordine, la moglie R.M. 56enne, incensurata e il figlio C.F. 25enne, già conosciuto alle forze dell’ordine, tutti di Bovalino. 

In particolare, nella prima mattinata di ieri, a seguito di mirata perquisizione locale e domiciliare eseguita  presso le pertinenze dell’abitazione degli indagati, il personale operante ha rinvenuto, abilmente occultate nella limitrofa vegetazione, due serre adibite a coltivazione di canapa indiana con all’interno complessivamente circa 1.000 piante di altezza compresa tra i 100 e i 200 cm, il cui valore stimato, qualora immesse sul mercato, sarebbe stato di circa 1 milione di euro; unitamente alle serre - dotate di impianto di irrigazione con sistema cosiddetto a “goccia” - veniva ritrovato anche un rudere destinato ad essiccatoio munito di 2 lampade a neon in funzione.  

Nell’abitazione veniva altresì rinvenuto un fucile calibro 20 perfettamente funzionante, con due munizioni in canna, posto sotto sequestro. 

Gli arrestati sono stati tradotti presso la propria abitazione in regime di detenzione domiciliare mentre le piante rinvenute sono state distrutte, previo campionamento, sulla base di quanto disposto dall’autorità giudiziaria di Locri. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Guido Longo verso la Calabria, primo obiettivo: riaprire gli ospedali chiusi

  • Qualità della vita, Reggio Calabria scala la classifica e conquista il 78esimo posto

  • Lavori sulla linea ferroviaria jonica, operaio muore nei pressi della stazione di Condofuri

  • Reggio e la Calabria in zona arancione da domenica 29 novembre: ecco cosa cambia

  • Ospedali e Covid, l'allarme di Amodeo: "Asp reggina impermeabile a ogni proposta"

  • Maltempo, il vento soffia su Reggio: albero si abbatte nel parcheggio del Cedir

Torna su
ReggioToday è in caricamento