rotate-mobile
Domenica, 2 Ottobre 2022
Palazzo Campanella

Bronzi, Mancuso: "Molti beni culturali aspettano di essere valorizzati"

Nell'aula Fortugno di Palazzo Campanella si è svolto il focus "Cinquant’anni…e molto di più" per celebrare l'anniversario della scoperta dei due guerrieri

Nell'aula Francesco Fortugno di Palazzo Campanella ha preso il via questa mattina il focus sui Bronzi di Riace. Un momento per riflettere anche sull'intero patrimonio culturale della Calabria.

Lo ha detto chiaramente il presidente del Consiglio Filippo Mancuso aprendo i lavori del focus dal titolo: "Cinquant’anni…e molti di più. Valorizziamo il patrimonio culturale calabrese”.

“Considerata l’importanza della ricorrenza che oggi celebriamo, - ha detto Mancuso - ci è sembrato giusto coinvolgere l’assemblea legislativa regionale, non solo perché essa rappresenta il cuore della democrazia calabrese, ma anche perché il Consiglio regionale ha già avuto modo di occuparsi dei due magnifici Guerrieri durante la fase del loro restauro, tra il 2009 e 2012. E’ di buon auspicio, per la Calabria che ce la sta mettendo tutta, attivando significative iniziative amministrative e legislative per uscire dall’immobilismo, la coincidenza con l’anniversario dei 50 anni dal ritrovamento dei Bronzi di Riace, tra i simboli maggiormente riconosciuti della Calabria in tutto il mondo".

"Il titolo che abbiamo dato a questo appuntamento è: “Cinquant’anni…e molti di più. Valorizziamo il patrimonio culturale calabrese”. Vuole indicare che, sì, i bronzi sono stati ritrovati il 16 agosto 1972, mezzo secolo fa (presso la località Porto Forticchio di Riace Marina) grazie ad un appassionato subacqueo durante un’immersione a circa 200 m dalla costa ed alla profondità di 8 m., ma non va dimenticato - specifica il presidente del Consiglio regionale -  che essi recano con sé le tracce di antiche e remote civiltà che, per profondità di pensiero, hanno influenzato la civiltà occidentale. E di cui la Calabria è stata protagonista e parte rilevante.

Il Consiglio regionale ha partecipato ai lavori del Comitato interistituzionale per la valorizzazione dei due guerrieri, insediato dalla Giunta regionale e coordinato dalla vicepresidente Giusi Princi che ringrazio per l’impegno e la passione che ha dispiegato anche in questa circostanza.

E abbiamo voluto caratterizzarci per alcune iniziative (una è quella odierna), sia per contribuire a comunicare la bellezza dei due capolavori scultorei dell’arte greca classica, che per rimarcare l’importanza strategica della Calabria quale ponte dell’Occidente verso l’Africa e l’Asia. La sottolineatura della bellezza dei due capolavori, è l’occasione da cogliere per pensare la Calabria in chiave euro-mediterranea: uno scenario geopolitico a cui dobbiamo saper guardare con spirito libero anche per le opportunità culturali ed economiche che si intravedono".

"Per completezza di informazione, voglio ricordare - aggiunge Mancuso - che il Consiglio regionale ha ospitato dal 2009 al 2012 a Palazzo Campanella, per impedire che i due Guerrieri fossero portati fuori Calabria, il laboratorio del loro restauro che - realizzato con pareti di vetro trasparenti - ha consentito di fare alle migliaia di studenti, turisti, studiosi e semplici cittadini che si sono avvicendati, una straordinaria esperienza culturale.

Allora si ebbe un’efficace sinergia fra Istituzioni a vario livello che seppero garantire il successo del restauro, assicurare l’ultimazione del rinnovamento del Museo Archeologico di Reggio e porre al centro del dibattito internazionale il patrimonio culturale che la Calabria mette a disposizione dell’umanità.

Auspico, infine, due cose: che questa ricorrenza produca, com’è già avvenuto, una sinergia efficace fra istituzioni calabresi e nazionali, intanto per colmare la carenza di personale del museo, riconosciuto tra gli istituti museali archeologici più prestigiosi d’Italia, al punto da rendere difficile la normale gestione e programmazione delle sue varie attività. Sono E inoltre, assodato che la nostra è una regione dalla storie plurimillenaria, riteniamo che - oltre a quando di innovativo si sta facendo, da parte della Regione e del sistema delle Autonomie locali - il suo prestigioso patrimonio di cultura e natura, tra i più interessanti e belli al mondo, sia pienamente salvaguardato e
messo a valore, per produrre sviluppo e nuova occupazione".

"La nostra regione ha innumerevoli beni culturali e ambientali che la rendono unica e originale, per radici culturali e affascinanti mete naturalistiche, ma deve migliorare assolutamente la qualità nell’erogazione dei servizi basilari, dai trasporti a tutta la filiera dell’accoglienza, spesso viziati da distrazioni, incuria e pressappochismo ingiustificabili, che non aiutano a migliorare l’offerta e la stessa reputazione della Calabria in Italia e nel mondo. I bronzi, dunque, “Cinquant’anni e…molti di più”, ma anche “I bronzi e… molto di più”. 

Sono infatti innumerevoli beni culturali sparsi in ogni angolo della Calabria, che aspettano di essere valorizzati e di essere messi nelle condizioni di garantire una fruizione dignitosa ed efficace. In tal senso, vi invito a vedere lo spot, “Calabria…Casa tua” che, come Consiglio regionale, abbiamo promosso, per contribuire a promuovere l’immagine della nostra Calabria. Lo spot racconta di Ulisse che rinuncia a lasciare la terra che lo ha ospitato, perché ormai la considera “casa sua”.

Diversamente dal racconto omerico in cui Ulisse, dopo mille peripezie, torna nella sua Itaca, in questa rappresentazione, - conclude Mancuso - rapito dalla bellezza e dal mistero del luogo in cui si trova, l’eroe decide di rimanere in Calabria. Lo slogan finale (“Calabria…Casa tua”) a mio avviso diventa la chiave dell’intera narrazione e la sintesi del tradizionale spirito di accoglienza e della cultura dell’ospitalità dei calabresi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bronzi, Mancuso: "Molti beni culturali aspettano di essere valorizzati"

ReggioToday è in caricamento