rotate-mobile
Lunedì, 8 Agosto 2022
Controlli nelle aree montane / Giffone

Caccia illegale nell'area del parco d'Aspromonte, denunciato un 73enne

All’anziano cacciatore, originario di Giffone, è stato sequestrato il fucile ed i sette fringuelli che era riuscito a cacciare

Un 73enne  di Cinquefrondi è stato denunciato a piede libero dai carabinieri, con contestuale sequestro di armi e selvaggina.

Questi i fatti, i carabinieri, nel corso di controlli straordinari nelle aree montane protette, predisposti con l’avvio della stagione venatoria, al fine di prevenire e reprimere l’annoso fenomeno della caccia di frodo, tutelare l’ambiente, la flora e la fauna e, non di secondaria importanza, per contrastare il fenomeno delittuoso delle rapine ai danni dei cacciatori, hanno denunciato un 73enne per caccia illegale all’interno del parco nazionale d’Aspromonte.

In particolare, i militari dell’Arma, durante un servizio di perlustrazione in località “Fontana Parlato” di Cinquefrondi, ad un certo punto, quando la loro attenzione è stata attirata dal rumore causato dalla deflagrazione di alcuni colpi di fucile, si sono subito inoltrati fra la vegetazione, sorprendendo l’anziano cacciatore, originario di Giffone, in procinto di raccogliere l’ultimo dei sette fringuellini che aveva abbattuto fraudolentemente poco prima. L’area in questione, ricadente interamente all’interno del Parco Nazionale dell’Aspromonte, risultava interdetta qualsiasi attività di cacciagione.

Nello specifico, i volatili abbattuti, dalle successive verifiche, sono risultati appartenenti alla specie protetta dei “fringillidi” per la quale è assolutamente vietata la caccia. Sequestrato dagli operanti il fucile e il munizionamento in possesso del cacciatore di frodo, titolare di regolare licenza di caccia, dovrà ora fornire spiegazioni in ordine sua condotta.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caccia illegale nell'area del parco d'Aspromonte, denunciato un 73enne

ReggioToday è in caricamento