rotate-mobile
Il report

In Calabria 4,2 milioni spesi in giocate d'azzardo: dati in ascesa

E' quanto rileva l'associazione "Mettiamoci in gioco" che ha inviato una lettera al presidente del Consiglio regionale e alla Commissione consiliare contro il fenomeno della 'ndrangheta

"Ammonta a 4.205.993.489,89 di euro la stima dei miliardi giocati in Calabria nel 2021, di questi 1.193.473.451,98 euro in presenza e quindi in ticket e lotterie varie e 3.012.520.037,91 euro nei gioco online. Difronte a questi numeri crescenti e preoccupanti, dei quali sentiamo il peso in ricaduta di qualità della vita e visto il numero sempre crescente di persone coinvolte nella dipendenza da azzardopatie, abbiamo chiesto di essere auditi in commissione regionale in merito alla proposta di legge regionale, relativa al contrasto alla ludopatia".

Lo afferma il presidente del coordinamento regionale Mettiamoci in gioco, Roberto Gatto, in una lettera indirizzata al presidente del Consiglio regionale della Calabria, Filippo Mancuso, al presidente della Commissione consiliare contro il fenomeno della 'ndrangheta, Giuseppe Gelardi e al vicepresidente della stessa commissione, Amalia Bruni.

"A seguito del nostro appello del 30 aprile del 2022, - aggiunge Gatto - il Consiglio regionale ha corretto la proposta di rinvio dell'entrata in vigore delle nuove regole sulle slot-machine, approvando il rinvio al 31 dicembre 2022. Ad oggi - evidenziano - veniamo a conoscenza che la commissione consiliare contro il fenomeno della 'ndrangheta, della corruzione e dell'illegalità diffusa sta procedendo su iniziativa di alcuni consiglieri alla modifica dell'art. 16 che impone dei limiti alla diffusione delle sale gioco nei territori dei comuni calabresi".

Come riporta l'agenzia Dire, il presidente Gatto ritiene "che dopo un breve periodo di pausa dovuto alla pandemia, le giocate sulle slot-machine, sia in presenza che online, siano in rapida ascesa e si apprestano a raggiungere la cifra dei 110 miliardi di euro, stima sul territorio nazionale.

Molta gente pensa di affrontare la povertà con l'effimera speranza di una vincita al gioco e contemporaneamente. Vediamo che sempre più persone cadono nella dipendenza da gioco d'azzardo patologico rivolgendosi quotidianamente ai nostri servizi. Quindi - conclude Gatto -riteniamo che modificare la legge in senso peggiorativo togliendo i già flebili limiti all'offerta del gioco nei nostri territori sia un errore gravissimo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Calabria 4,2 milioni spesi in giocate d'azzardo: dati in ascesa

ReggioToday è in caricamento