Lunedì, 15 Luglio 2024
Il sit-in

"Oss e getta", monta la protesta degli operatori senza contratto davanti a Palazzo Campanella

I lavoratori sono stati ricevuti dal governatore della Calabria Roberto Occhiuto, che è anche commissario ad acta alla sanità

Dal primo luglio sono a casa, senza lavoro, perché il contratto non è stato rinnovato. Sono gli oss, gli operatori socio sanitari, con partita iva, assunti a tempo determinato in tempo di Covid, con il contratto scaduto il 30 giugno e non rinnovato, come ha già raccontato ReggioToday.  

Hanno voluto manifestare il loro dissenso e la loro frustrazione per il mancato rinnovo davanti alla sede istituzionale del Consiglio regionale. Ieri, infatti, si riuniva l'assemblea e per questo ecco che sono arrivati in tanti a far sentire la loro voce e le loro richieste. 

"Da eroi del covid a disoccupati", "Del rischio clinico noi non abbiamo avuto paura", "La Calabria non si ferma a Cosenza" sono le frasi scritte sui cartelloni che hanno portato durante la protesta. 

sit in oss consiglio regionale-2

Dopo 43 mesi di attività presso l'azienda ospedaliera dell'Asp di Reggio Calabria ecco che non sono stati stabilizzati. Adesso chiedono certezze per il loro futuro lavorativo.

Sono riusciti però, i lavoratori in protesta, a incontrare il presidente della Regione Roberto Occhiuto che è anche commissario ad acta alla sanità.

oss tuta covid protesta consiglio regionale

Un breve colloquio con il governatore Occhiuto che si è reso disponibile. Roberto Occhiuto ha assicurato agli operatori socio sanitari che provvederà a risolvere il problema. Adesso c'è da attendere per vedere cosa accadrà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Oss e getta", monta la protesta degli operatori senza contratto davanti a Palazzo Campanella
ReggioToday è in caricamento