rotate-mobile
Sabato, 24 Febbraio 2024
Botta e risposta

Emergenza rifiuti, anche da Palazzo San Giorgio la replica al commissario Arrical

Il sindaco facente funzioni Paolo Brunetti: "È vero che in teoria a Reggio era destinato uno spazio di circa 200 tonnellate al giorno, ma mai c'era un'effettiva disponibilità al conferimento nei nostri confronti"

Sull'emergenza rifiuti, dopo la missiva del commissario Arrical Bruno Gualtieri arriva anche la replica del sindaco facente funzioni di Reggio Calabria, Paolo Brunetti. 

Scrive Brunetti:  "La sua, più che la missiva di un tecnico impegnato a risolvere problemi al servizio della comunità calabrese, sembra una presa di posizione di parte, non si capisce dettata da che genere di interessi evidentemente più di natura politica. D'altronde non si spiegherebbe altrimenti la sua uscita pubblica assunta d'iniziativa, probabilmente frutto di una richiesta della parte politica che oggi governa la Regione". 

"A tal proposito - aggiunge Brunetti - solo per sfiorare il merito di ciò che afferma Gualtieri, ho chiesto al Settore Ambiente del Comune di Reggio Calabria, ricordiamo la città più grande e popolosa della Calabria, di produrre un report delle quantità di rifiuti respinte dagli impianti di conferimento regionali nell'ultimo mese. Complessivamente sono circa 2500 le tonnellate di rifiuti che sono state respinte dagli impianti a partire dallo scorso 3 luglio, con una media di circa 100 tonnellate al giorno e con punte di 160 tonnellate in alcune giornate. È vero quindi che in teoria a Reggio era destinato uno spazio di circa 200 tonnellate al giorno, ma ciò non si tramutava praticamente mai, per problematiche di natura tecnica, in un'effettiva disponibilità al conferimento nei nostri confronti. Ciò che afferma Gualtieri quindi rispetto alle quantità di spazi disponibili, nei fatti si rivela falso e certamente pretestuoso".

"In questo modo Gualtieri - afferma Brunetti - rischia di trarre in inganno anche la governance della Regione Calabria ed il presidente Occhiuto che continua ad affermare, inopinatamente e probabilmente senza avere reale contezza dello stato dei fatti, che sul tema dei rifiuti in Calabria va tutto bene. Non si spiegano allora le difficoltà riscontrate dallo stesso Commissario Gualtieri nella sua missiva che riguardano l'impianto di Sambatello".

"È chiaro che a pagarne le conseguenze, di questa gestione approssimativa e senza alcuna programmazione è soprattutto una grande città come Reggio Calabria, che quanto a popolazione fa circa il doppio del capoluogo di Regione Catanzaro ed il triplo rispetto alla città di Cosenza, molto più di quanto quindi possa avvenire per piccoli Comuni che producono quantità di rifiuti molto più ridotte e gestibili. Se a ciò si aggiunge una gestione concretamente penalizzante nei confronti del nostro territorio, e della nostra Città in particolare, si palesano in maniera più evidente le difficoltà riscontrate che Gualtieri incredibilmente tenta pubblicamente di negare".

"Condividendo lo spirito di collaborazione enunciato nella parte finale della missiva di Gualtieri, si specifica infine - conclude Brunetti - che nella giornata di domani sarà trasmesso al Commissario il programma dettagliato delle esigenze della Città di Reggio Calabria per i conferimenti straordinari negli impianti regionali, così come richiesto nella stessa lettere inviata dalla Regione".
.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza rifiuti, anche da Palazzo San Giorgio la replica al commissario Arrical

ReggioToday è in caricamento